Connect with us

Moto Gp

Moto GP, ad Assen Rossi c’è

Pubblicato

|

Valentino Rossi con la Yamaha
Jorge Lorenzo, compagno di Valentino Rossi, ai box

Jorge Lorenzo, compagno di Valentino Rossi, ai box

Il Gran Premio di Assen nel segno della Yamaha e di Valentino Rossi che torna alla vittoria . Il ritorno alla vittoria di Valentino Rossi, la gara commovente di Jorge Lorenzo che riesce ad agguantare il quinto posto in condizioni estreme, infine il terzo posto di Cal Crutchlow partito dalla pole. Torna quindi a vincere un pilota italiano che ormai mancava dal lontano 2010; alle spalle del pilota pesarese arriva Marc Marquez che precede a sua volta l’altro pilota Yamaha Crutchlow. Soltanto quarto Pedrosa, protagonista di una buona partenza ma che non è riuscito a tenere il passo dei suoi avversari. Risultati deludenti in casa Ducati, che vede Dovizioso e Hayden piazzati rispettivamente al nono e al decimo posto.

ROSSI – Valentino impiega soltanto due giri per guadagnarsi la testa della gara. Ottima partenza per il pilota della Yamaha che già nel primo giro riesce a risalire dal quarto al secondo posto. Nel secondo poi, con un sorpasso da incorniciare, Rossi infila Pedrosa e si ritrova in prima posizione, che manterrà fino alla fine della gara senza correre troppi rischi. Al passaggio sul traguardo del numero 46, ovazione del pubblico olandese, rimasto sempre fedele al pilota pesarese, che a fine gara li omaggia andando ad esultare sotto le tribune colorate interamente di giallo. A fine gara un incredulo Rossi commenta così la sua gara: “Ancora non ci credo. È bello tornare a vincere dopo così tanto tempo, ho lavorato tanto con il team per ottenere questi risultati. Sapevo che poteva andare bene oggi e ci ho provato fin dall’inizio. Riesco a guidare meglio e ad entrare meglio in frenata. Sono contento di aver vinto proprio qui ad Assen.”

LORENZO – Parte fortissimo anche il pilota spagnolo, sembra quasi non accorgersi di essere stato operato neanche 48 ore prima della gara. Nei primi giri Lorenzo riesce a guadagnare diverse posizioni, risalendo dall’ottavo posto fino al quarto, senza dare la sensazione di voler cedere. Col passare dei minuti però la spalla inizia a farsi sentire e il pilota spagnolo perde il contatto con il gruppo di testa. Finisce comunque quinto, un miracolo considerando le condizioni in cui ha affrontato la gara. Ovazione anche per lui da parte di tutto il team al suo rientro nei box.

MARQUEZ – Buona gara anche dell’altro spagnolo fratturato Marc Marquez, arrivato secondo. Anche lui durante la gara ha dovuto fare i conti con l’infortunio procuratosi nelle libere di giovedì, frattura meno grave di quella del pilota della Yamaha, ma comunque fastidiosa. A fine gara Marquez ha espresso la sua soddisfazione per il risultato finale e per il podio conquistato, riservando anche una battuta per il suo idolo di sempre: “Una buona gara, ma oggi Valentino era veramente impossibile da prendere”.

Lorenzo Rossini

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending