Connect with us

Football

Italia, Balotelli salta la Spagna: Gilardino o El Shaarawy prima punta

Pubblicato

|

Mario Balotelli

Mario Balotelli con la maglia della Nazionale

Distrazione muscolare di primo grado al quadricipite della gamba sinistra”. Questo l’esito degli esami strumentali ai quali lo staff medico della Nazionale ha sottoposto Mario Balotelli: il centravanti del Milan non sarà quindi a disposizione per la semifinale di Confederations Cup 2013, in programma giovedì con la Spagna, e in questi giorni si valuteranno le sue condizioni in vista della partita del 30. “Si può tentare qualcosa, di comune accordo con Balotelli e con il ct Prandelli, eventualmente per la partita di domenica“, ha detto il professor Enrico Castellacci, capo dello staff sanitario azzurro. “Valuteremo le sue condizioni giorno per giorno e poi decideremo. In questo momento non ci si può sbilanciare troppo“.

TEGOLA AZZURRA, FURIA ROSSA PAUROSA – La notizia blocca così il 22enne centravanti, uno dei più in forma tra le file azzurre nella competizione, con due reti e tanto movimento per i compagni: contro le Furie Rosse – nella rivincita dello 0-4 nella finale di Euro 2012 – il Ct Prandelli dovrebbe così affidarsi a Gilardino, con El Sharaawy in alternativa come “finto nueve“. Se Balotelli piange, Pirlo sorride: il regista della Juventus, alle prese con un guaio muscolare ai gemelli della gamba destra e assente contro il Brasile, è in netto miglioramento e contro la Spagna sarà presente in mediana. Anche Riccardo Montolivo ieri è stato tenuto a riposo a causa del lieve trauma cranico riportato contro il Brasile, ma la situazione del centrocampista di Caravaggio sembra in via di miglioramento.

LE PAROLE DI CHRISTIAN MAGGIO – Ieri in Sala Stampa è stato il turno di Christian Maggio. Il terzino del Napoli è tornato a parlare di una difesa azzurra che ha subito otto reti in tre gare. “Dobbiamo analizzare bene – dichiara – cosa è successo e cosa non ha funzionato. Alcuni gol li abbiamo presi su calci piazzati venuti da punizioni che non c’erano, ma credo che non sia un problema di difesa. Ripeto, dobbiamo capire dove abbiamo sbagliato e cercare di far sì che non si ripeta più. Con il Brasile sono state fischiate alcune punizioni che proprio non c’erano, come quella da cui poi è scaturito il gol. Neymar un tuffatore?? Diciamo di no“. Per la terza volta in più di un anno gli azzurri se la dovranno vedere, in competizioni ufficiali, con i Campioni del Mondo della Spagna: “In questi ultimi anni hanno fatto cose fantastiche. Purtroppo nella finale dell’Europeo non li abbiamo affrontati al cento per cento delle nostre possibilità. Giovedì sarà una gara molto difficile, ma anche nel nostro gruppo ci sono giocatori fortissimi e cercheremo di metterli in difficoltà. Non sarà una questione di moduli, sono in grado di crearti problemi con qualsiasi modulo. Noi dovremo essere bravi a fare la nostra partita e a cercare di fare il nostro gioco. Dobbiamo stare attenti perché loro sono forti in ogni reparto, dovremo metterci a disposizione del compagno in difficoltà“. Maggio si è soffermato anche sul clima che ha creato non pochi problemi per il recupero post gara. “Purtroppo questa umidità non ti permette di recuperare così in fretta, però, per fortuna abbiamo diversi giorni per lavorare e riposare e questa umidità darà fastidio anche alla Spagna. Noi speriamo di recuperare tutti”. Oggi pomeriggio allenamento alle 16 presso lo stadio Presidente Vargas di Fortaleza.

Luca Guerra

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending