Redazione

Napoli, due colpi di “Dosse” non bastano: l’Udinese vince e la squadra di Mazzarri è in Europa League

Napoli, due colpi di “Dosse” non bastano: l’Udinese vince e la squadra di Mazzarri è in Europa League
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

NAPOLI, 13 MAGGIO – Il miracolo non è arrivato: nonostante una discreta partita vinta contro il Siena, il Napoli di Walter Mazzarri non è riuscito a conquistare la qualificazione alla prossima Champions League. La squadra partenopea gioca una partita attenta e ordinata andando a vincere grazie a una doppietta di Dossena, abile a sfruttare le disattenzioni di una difesa non particolarmente attenta. I bianconeri toscani, invece, non avendo più nulla da chiedere al campionato hanno giocato senza troppi stimoli senza comunque sfigurare. In rete per il Siena è andato ancora una volta Mattia Destro, fresco di pre-convocazione per gli Europei del prossimo giugno.

LA PARTITA:
Il Napoli è consapevole del fatto che non può sbagliare e dopo soltanto tre minuti si porta in vantaggio: Hamsik sguscia sulla destra, mette il pallone in mezzo e Dossena da due passi è libero di insaccare l’incolpevole Farelli. I partenopei, però, non hanno neanche il tempo di esultare che già il Siena recupera il risultato con Destro, abile a sfruttare un’uscita maldestra di De Sanctis e a gonfiare la rete azzurra con il gol dell’1-1. La partita torna su binari blandi e l’atmosfera viene soltanto scossa dai fischi rivolti a Lavezzi. Dopo un paio di conclusioni fallite da Pandev e da Fernandez ecco che arriva il raddoppio partenopeo segnato da Dossena che approfitta di una respinta corta e inopportuna di Farelli per appoggiare in rete in tap-in il momentaneo 2-1 per il Napoli. Nella ripresa gli azzurri partono con il piede sull’acceleratore ma non riescono a trovare la porta. Da Catania e da Roma inoltre le notizie non sono confortanti e la squadra di Mazzarri sembra perdere con i minuti la giusta concentrazione e la giusta attenzione alla gara. Il Siena è comunque timido nei suoi affondi e si fa vedere dalle parti di De Sanctis soltanto con una punizione di D’Agostino al 62′ che lambisce il palo e fa venire i brividi a tutti i tifosi napoletani. Al 70′ brilla Hamsik ma il suo diagonale finisce sul fondo di un niente: questo sarà l’ultimo acuto dell’incontro. La gara prosegue con la tifoseria spaccata riguardo a Lavezzi, il ritmo cala vertiginosamente e il Napoli si deve “accontentare” dell’Europa League, palcoscenico di minor rilievo ma comunque prestigioso.

IL TABELLINO:
NAPOLI – SIENA 2-1
NAPOLI (3-4-1-2): De Sanctis, Campagnaro (90′ Grava), Cannavaro (16′ Fernandez), Britos; Maggio, Gargano, Inler, Dossena; Hamsik; Pandev (68′ Zuniga), Lavezzi. A disp.: Rosati, Fideleff, Dezi, Vargas. All.: Mazzarri.
SIENA (3-5-1-1): Farelli, Vitiello, Contini, Terzi; Giorgi (62′ Sestu), Bolzoni (56′ Parravicini), Vergassola, Brienza, Rossi; D’Agostino; Destro (82′ Larrondo). A disp.: Brkic, Gazzi, Belmonte, Grossi. All.: Sannino.
Arbitro: Celi di Campobasso.
Marcatori: 3′ e 33′ Dossena, 5′ Destro.
Ammoniti: Destro, Dossena, Hamsik, Campagnaro, Parravicini, D’Agostino, Terzi, Lavezzi.
Espulsi: nessuno.
Note: Recupero: 0’+3′.

Nicolò Bonazzi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *