Redazione

Federer nel Blu dipinto di Blu, vittoria nel Mutua Open di Madrid e 2° nel ranking ATP

Federer nel Blu dipinto di Blu, vittoria nel Mutua Open di Madrid e 2° nel ranking ATP
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MADRID, 13 MAGGIO – E’ tornato il Re del tennis, Roger Federer conquista il suo terzo titolo al Mutua Open di Madrid e scavalca Rafael Nadal come testa di serie numero 2 del Ranking ATP.

Lo svizzero che ha giocato buona parte del torneo con un completo blu in perfetta sintonia con il nuovo colore della superficie dei campi da gioco, supera in una finale avvincente e molto equilibrata (101 punti vinti a testa prima dell’ultimo game) il ceco Tomas Berdych con il punteggio di 3-6, 7-5, 7-5.

Berdych parte fortissimo strappando il servizio già al secondo gioco grazie a due risposte vincenti. Nonostante mantenga basse percentuali con la prima di servizio mette in difficoltà Roger soprattutto nello scambio da fondo campo con colpi sempre vicini alla linea. Sale sul 4-1, e sul 5-2 si trova avanti 0-30 con Federer al servizio. Il campione svizzero resiste e tiene il game, ma deve arrendersi 6-3 nel successivo game.

La risposta di Federer arriva in apertura di secondo set con un break che lo porta sul 3-0 e succesivamente sul 4-1, ma il ceco replica annullando un set point sul 5-3 con un gran recupero su un punto ormai fatto e strappa il servizio portandosi 4-5. Il Re mette tutto il suo repertorio all’undecismo gioco portandosi 15-40 grazie ad una risposta vincente di rovescio in top spin e sfrutta il primo dei due set point a disposizione chiudendo 7-5.

Il terzo set si mantiene ancor più equilibrato, entrambi i giocatori tengono i propri turni di servizio fino all’ottavo gioco dove Federer sale 5-3 grazie ad un doppio fallo di Berdych che nello stesso game annulla con un ace la prima palla break concessa. Il ceco non demorde e con coraggio e carattere ottiene un contro break prolungando il match. Il nuovo numero due del mondo fa ricorso a tutta la sua classe giocando in anticipo sulle accelerazioni di Berdych riportandosi avanti 6-5 e 0-40 con tre match-point sul servizio del ceco. Quando il Master sembra già assegnato la teste di serie numero 6 del torneo ha un ultimo sussulto e annulla le tre palle per la vittoria finale prima di cedere al quarto match point con un errore gratuito. Federer può dunque esultare e guardare con fiducia agli Internazionali d’Italia di Roma dove troverà un Nadal in cerca di riscatto e un  volenteroso di confermarsi nella città che considera la sua casa: Roma.

Daniele Maimone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *