Connect with us

Inter

Calciomercato Inter: Ranocchia, Guarin e Cassano, tre figurine in mano a Branca

Pubblicato

|

Andrea Ranocchia, è stato allenato da Antonio Conte nella stagione 2008-2009 nel Bari che conquistò la promozione in Serie A
Calciomercato Inter Walter Mazzarri

Walter Mazzarri

La presentazione in pompa magna dello stakanovista Walter Mazzarri e la potenziale entrata in società dello PSY indonesiano Thorir avevano momentaneamente distorto la percezione sensoriale di milioni di tifosi nerazzurri, illusi che l’FC Internazionale potesse ritornare l’Invicible Armada dei tempi del Mago José e del pokerissimo d’acquisti Lucio-Sneijder-Eto’o-Milito-Thiago Motta, o quantomeno una mini Armada in grado di raggiungere almeno il terzo posto in classifica (maledetta Europa League!)

Il disturbo bipolare del petroliere della Saras Massimo Moratti (sazio di successi e ormai privo di stimoli e liquidità da spalmare nelle casse dell’Inter) si è presto trasformato in un vero e proprio blocco mentale, mentre l’entusiasmo per la ricostruzione della Beneamata ha assunto livelli simili al soporifero Leonardo Manera nelle vesti di uno dei protagonisti del cinema polacco.

Dopo i finti botti primaverili firmati dal ‘risvegliato’ Marco Branca, – le incognite Laxalt e Icardi, l’infortunato seriale Botta, il secondo allenatore in campo Campagnaro e il precario Andreolli destinato a rientrare nella stravagante operazione Belfodil – , il mercato dell’Inter sta attraversando una fase di stasi in attesa che lo scambio di figurine a tiratura limitata possa alimentare la fantasia dei tifosi e le richieste dell’ex tecnico del Napoli.

La figurina più ricercata del momento dai collezionisti italiani e esteri è quella di Fredy Guarin. Il borderline del centrocampo nerazzurro, dopo le brevi parentesi legate a Juventus (puro fantamercato da giornalai) e Napoli, sarebbe entrato nel mirino del Paris Saint Germain. Il nome del potenziale crac colombiano è il primo nella lista consegnata da Laurent Blanc a Tyson Leonardo, che avrebbe ricevuto l’autorizzazione a procedere dallo sceicco Nasser Al-Khelaifi. Mi domando perché nessuno chieda lumi sui nostri fenomeni Alvaro Pereira e J42, ma confido nella generosità del presidente del Monaco che verserà il 5 per mille nelle casse di Moratti liberandoci da due dei peggiori incubi mai visti in maglia nerazzura.

Miralem-Pjanic-premierLa seconda figurina è quella dell’elegante bradipo della difesa Andrea Ranocchia. Il centrale di Assisi, scaricato senza ritegno da Stalin Mazzarri dopo aver visionato le cassette dell’era Stramaccioni, potrebbe rientrare in uno scambio alla pari con il talentuoso centrocampista della Roma, Miralem Pjanic. Un sospiro di sollievo per tutti i supporters interisti, dopo la tragicomica notizia del possible baratto con il barbuto rossonero Nocerino.

Dulcis in fundo ‘nientepopodimeno’ che Antonio Cassano, meglio noto come El Pibe de Bari Vecchia. L’ex divoratore di patatine ai tempi del Real di Capello sembra deciso a concludere prematuramente la sua avventura alla Pinetina. I suoi rapporti non idilliaci con Walter Mazzarri e la ricerca spasmodica dell’insostenibile leggerezza dell’essere potrebbero portare Cassano al Parma di Donadoni o al Genoa di Preziosi. Nel primo caso rientrerebbe nella cervellotica operazione Belfodil, quotato come Cristiano Ronaldo ai tempi di Manchester, nel secondo rappresenterebbe una precisa scelta di vita (la moglie Carolina vive nel capoluogo ligure insieme alla figlia di Fantantonio).

In attesa che il primo scambio fantasmagorico vada in porto, non ci resta che sfogliare l’almanacco alla ricerca dell’Inter più scarsa della sua gloriosa storia.

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending