Matteo De Angelis

Pomeriggio di addii in Serie A. Segnano Del Piero e Inzaghi per le vittorie di Juve e Milan. Scialbo 0-0 tra Fiorentina e Cagliari

Pomeriggio di addii in Serie A. Segnano Del Piero e Inzaghi per le vittorie di Juve e Milan. Scialbo 0-0 tra Fiorentina e Cagliari
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

13 MAGGIO 2012 – Gioia e dolore. Lacrime e sorrisi. Questa la fotocopia del pomeriggio di Serie A, ultima giornata di questo campionato. A Torino l’ultima gara del capitano Alex Del Piero, a Milano ultima apparizione per Gattuso, Inzaghi, Nesta e Seedorf. A Firenze pochi tifosi a seguire l’ultima partita della travagliata stagione dei toscani.

JUVENTUS – ATALANTA 3-1

Allo Juventus Stadium va in scena la partita di addio di Alessandro Del Piero, vera bandiera del club bianconero. La Juventus gioca anche per mantenere quell’imbattibilità in campionato che ha permesso agli uomini di Conte di vincere lo scudetto con una giornata d’anticipo. E la festa è totale. Dopo 10 minuti la Juve è già in vantaggio grazie al gol di Marrone che sigla la sua prima rete in campionato. Lo stadio esplode letteralmente però al minuto 28 quando Alessandro Del Piero sigla la rete del 2-0. Un tripudio a Torino. Il giusto premio per una carriera fantastica. La Juve amministra il doppio vantaggio fino al termine del primo tempo. Striscioni e cori per Del Piero durante tutti i 15 minuti di intervallo. Alla ripresa il copione non cambia, è la Juve a rendersi maggiormente pericolosa. Minuto 57: Del Piero esce dal campo. Tutti in piedi per questo campione, anche i giocatori dell’Atalanta ad applaudire. Commovente. La partita continua ma tutte le telecamere sono per il capitano della Juve che con un giro di campo raccoglie l’applauso di tutto lo stadio. E’ una festa totale anche se al minuto 82 l’Atalanta segna il gol del 2-1 grazie all’autorete di Lichtsteiner. Si fa male Chiellini che esce in lacrime, si teme per la finale di Coppa Italia ma anche per gli Europei. Al 90′ rigore per la Juventus: batte Barzagli e palla in rete. Ventesimo giocatore a segno quest’anno per la squadra di Conte. Record per la Juventus, mai battuta quest’anno. A fine gara i giusti tributi a tutta la squadra bianconera che festeggia la vittoria di un meritatissimo scudetto. A breve la Juventus alzerà la Coppa per la vittoria di questo campionato.

JUVENTUS 3 (10′ Marrone, 28′ Del Piero, 90′ Barzagli (r) )
ATALANTA 1 (82′ aut. Lichtsteiner)

Le Formazioni

JUVENTUS (3-4-3): Storari; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini (87′ Barzagli), Estigarribia (66′ Quagliarella); Padoin, Pirlo, Marrone; Giaccherini, Borriello, Del Piero (57′ Pepe). A disp.: Manninger, Marchisio, Vucinic, Matri All.: Conte

ATALANTA (4-4-1-1): Frezzolini; Bellini, Lucchini, Manfredini, Peluso; Schelotto (52′ Minotti), Carmona, Cazzola (82′ Cigarini), Bonaventura; Moralez (52′ Gabbiadini); Denis. A disp.: Polito, Ferri, Raimondi, Tiribocchi. All.: Colantuono

Ammoniti: nessuno
Espulsi: nessuno
Arbitro: Gava di Conegliano

 

MILAN – NOVARA 2-1

A San Siro si assiste all’ultima gara dei reduci dalla vittoria della Champions League di Manchester contro la Juventus: Seedorf, Nesta, Gattuso e Inzaghi lasciano il Milan dopo anni fantastici e ricchi di vittorie. Tra gli altri c’è l’addio anche di Zambrotta e Van Bommel. Prima dell’inizio del match le lacrime di Gattuso sono un evidente segnale dell’aria che si respira nell’ambiente rossonero. E’ il Novara però a fare la partita all’inizio e dopo essersi visto annullare un gol di Jeda gli uomini di Tesser passano in vantaggio grazie alla rete di Garcia. Il Milan non ci sta ma gli attacchi dei rossoneri sono inconsistenti e anzi la squadra di Allegri rischia più volte di incassare la seconda rete. Aquilani fallisce un gol già fatto e il primo tempo si conclude, giustamente, 1-0 per i piemontesi. Alla ripresa dell’incontro il Milan prova a cambiare l’inerzia della gara: Seedorf sfiora il palo con una splendida punizione, poi Ibra si vede respingere da Fontana il bolide di destro. E’ però il preludio al gol che arriva al minuto 57 grazie alla prima rete in questa stagione di Flamini. Al 67′ c’è gloria per Pippo Inzaghi che entra in campo tra gli applausi di tutto lo stadio. Passano 15 minuti ed entra in campo anche Nesta: standing ovation per uno dei difensori più forti di sempre. Ma lo stadio esplode un minuto dopo: gol di Superpippo e lacrime per tutti. Come per Del Piero, anche qui il giusto premio ad una carriera indescrivibile. Ci prova anche Seedorf ma la palla non entra nemmeno su una nuova splendida punizione. Finisce la gara, 2-1 per il Milan. Tutti ad abbracciare la vecchia guardia, le lacrime non si risparmiano. Scene bellissime che fanno bene al calcio. Grazie ragazzi.

MILAN 2 (57′ Flamini, 83′ Inzaghi)
NOVARA 1 (20′ Garcia)

Le Formazioni

MILAN (4-4-2):Amelia, Zambrotta, Mexes, Yepes, Mesbah, Gattuso, Aquilani (81′ Nesta), Seedorf, Boateng (10′ Flamini), Ibrahimovic, Cassano (67′ Inzaghi). A disp.: Roma, Nocerino, Robinho, El Shaarawy All.: Allegri

NOVARA (4-4-2): Fontana, Morganella, Lisuzzo, Centurioni (86′ Maggio), Garcia, Porcari, Pesce (86′ Ludi), Gemiti, Rigoni, Jeda, Caracciolo (65′ Radovanovic). A disp.: Logofatu, Branca, Jensen, Rubino All.: Tesser

Ammoniti: Aquilani (M)
Espulsi: nessuno
Arbitro: Velotto di Grosseto

 

FIORENTINA – CAGLIARI 0-0

All’Artemio Franchi di Firenze i pochi tifosi presenti più che incoraggiare la loro squadra fischiano e borbottano per esprimere il malcontento per via della non esaltante stagione dei viola. Partita spenta e con poche palle gol: il primo tiro in porta del match è di Nainggolan al 35′ della prima frazione di gioco. Il colpo di tacco di Ariaudo mette fine alla prima frazione di gioco; all’uscita dal campo solo fischi dalle tribune. Non cambia il match nella ripresa, le due squadre non si fanno male e la partita è da sbadigli. Poche le azioni da gol da una parte e dall’altra. All’84’ però squillo della Fiorentina con Natali che si vede annullare il gol per un fuorigioco millimetrico. Il match finisce tra le contestazioni dei tifosi viola.

FIORENTINA 0 
CAGLIARI 0 

Le Formazioni

FIORENTINA (3-5-2): Neto, De Silvestri (53′ Cassani), Felipe, Natali, Marchionni (17′ Salifu), Kharja, Lazzari (64′ Acosty), Romulo, Pasqual, Olivera, Cerci. A disp.: Rozzio, Manfredini, Agyei, Behrami. All.: Guerini

CAGLIARI (4-4-2): Avramov, Perico, Astori, Canini (69′ Murru), Ariaudo, Conti, Ekdal (65′ Ibarbo), Nainggolan, Dessena, Ribeiro (89′ Eriksson), Nenè. A disp.: Agazzi, Bovi, Gozzi, Larrivey. All.: Ficcadenti

Ammoniti: Conti, Dessena (C) Cerci (F)
Espulsi: nessuno
Arbitro:
Gallione di Alessandria

a cura di Matteo De Angelis

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *