Connect with us

Football

Europeo Under 21: le probabili formazioni della finale Italia-Spagna

Pubblicato

|

Europeo Under 21 Insigne

Europeo Under 21 Insigne

La storia si ripete. E non è mai un caso. Italia-Spagna ce la siamo goduta (anzi, se la sono goduta) giusto un anno fa , nella finale dell’ Europeo Polonia-Ucraina 2012. Ci disintegrarono 4-0, col loro gioco spumeggiante e palla a terra. Oggi, alle ore 18, la storia appunto ci offre l’opportunità di prenderci una rivincita che avrebbe un sapore unico. Perchè stavolta a fronteggiarsi sono le due rispettive Under 21, quelle fatte di giovani, il loro marchio di fabbrica. Vincere vorrebbe dire trionfare sul loro terreno, laddove essi sono i migliori. D’altronde, si gioca a Gerusalemme, in Terra Santa, e non può essere un caso, nemmeno questo.

PERCORSI Gli ingredienti per vivere una partita esaltante ci sono tutti. L’Italia di Davis Mangia è arrivata alla competizione accompagnata da grandi aspettative, fin ora completamente rispettate. Il girone è stato brillantemente superato. Primi davanti a Norvegia, Israele e Inghilterra. Poi, il gol di Borini in semifinale contro l’Olanda ci ha regalato la finale. La Spagna, unica vera testa di serie del torneo, è arrivata alla partitissima con relativa facilità. Girone superato a punteggio pieno davanti a Olanda, Germania e Russia. In semifinale, Norvegia annientata 3-0.

IMPARIAMO Le differenze di cultura calcistica sono incredibilmente evidenti. Basta dare un’ occhiata ai titolari delle due compagini. I nostri gioielli hanno due possibilità: giocare in Serie A e giocare poco, o giocare in Serie B. I loro, invece, sono già punti fermi di squadre come Barcellona, Benfica e Real. I 23 convocati di Mangia sommano 480 presenze tra Serie A, Ligue 1 (Verratti), Premier League (Borini) e Eredivise (Caldirola, nel 2011). Il più esperto? Paloschi, con 81 presenze in Serie A. Completamente diverso lo score dei giocatori spagnoli, che raggiungono 1.080 presenze nelle massime divisioni. Il recordman è Muniain, 112 presenze nella Liga con l’Athletic Bilbao, poi ci sono De Gea (106, tra Atletico Madrid e Manchester United), Camacho (91) e Alvaro Vazquez (89). La differenza dunque non sono tanto i valori tattici,quanto bensì la mentalità nazionale. La cantera in Spagna è vissuta come un rituale sacro. Da noi evidentemente no.

QUI ITALIA Mangia, pur di sovvertire il pronostico (i bookmakers danno a 4.00 la vittoria azzurra ed a 1.80 quella rojita), si affida alla miglior formazione possibile. L’Italia, come sempre, si dimostra vera cooperativa del gol, con 7 gol totali segnati da 6 diversi giocatori. La scelta più difficile sarà quella relativa alla coppia offensiva. Favoriti, in questo momento, Borini e Immobile. Il 4-3-1-2 verrà completato da Bardi tra i pali, da Regini, Caldirola, Donati e Bianchetti in difesa e da Verratti, Rossi e Saponara a centrocampo. Insigne, il nostro numero 10, agirà alle spalle delle due punte.

QUI SPAGNA La Spagna ha in Morata l’attaccante più prolifico. Ha segnato in tutte le gare finora giocata, realizzando in totale 4 gol. Il talento del Real ha così oscurato Rodrigo, attaccante del Benfica molto atteso prima dell’inizio della competizione. Il 4-2-3-1 spagnolo, tuttavia, vedrà proprio Rodrigo scendere in campo dal primo minuto, sostenuto dal trio AlcantaraIscoTello. Koke e Illaramendi agiranno da filtro di metà campo. Davanti a De Gea, giocheranno Martinez, Montoya, Bartra e Moreno.

PROBABILI FORMAZIONI 

ITALIA 4-3-1-2 : Bardi; Regini, Caldirola, Donati, Bianchetti; Verratti, Rossi, Saponara; Insigne; Immobile, Borini. A disposizione: Leali, Colombi, Biraghi, Capuano, Crimi, Florenzi, Bertolacci, Marrone, Destro, Gabbiadini, Paloschi. All. Mangia

SPAGNA 4-2-3-1 : De Gea; Martinez, Montoya, Bartra, Moreno; Koke, Illaramendi; Isco, Alcantara, Tello; Rodrigo. A disposizione: Joel, Diego Marino, Muniesa, Carvajal, Alvaro, Nacho Fernandez, Camacho, Sarabia, Canales, Vazquez, Muniain. All. Lopetegui

Antonio Fioretto

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending