Connect with us

Football

Confederations Cup: le pagelle di Messico-Italia 1-2

Pubblicato

|

Inizia con una vittoria l’avventura dell’Italia in Confederations Cup, 2-1 il risultato finale con le reti dei due protagonisti più attesi, Pirlo e Balotelli.

Partono forte gli azzurri, per nulla intimoriti dalla bolgia del “Maracanà” e schierati con un’ inedito 4-3-2-1, regalano una prima mezzora di grande calcio e sfiorano la rete in più occasioni con Balotelli e Giaccherini.

Messico in difficoltà e capace di rendersi pericoloso solo all’11’ con Guardado, che coglie la traversa dopo un’invenzione di Dos Santos.

BOTTA E RISPOSTA IN CINQUE MINUTI– Al 27′ l’Italia passa in vantaggio grazie a una punizione magistrale di Pirlo, osannato per tutta la partita dal pubblico di Rio.

La squadra di Prandelli sembra avere la partita in pugno, ma dopo cinque minuti Barzagli si fa sorprendere in area da Dos Santos e lo atterra, regalando un rigore ai messicani, fin lì inesistenti.

“Chicharito” Hernandez spiazza Buffon dal dischetto e si regala il 33° gol in Nazionale.

LA DIFESA TREMA – I ritmi a questo punto si abbassano, l’Italia non ha la brillantezza dei primi minuti e balla pericolosamente in difesa, ma continua a cercare la via del gol con Balotelli, che porta avanti la sua sfida personale con il portiere messicano Corona.

All’inizio della seconda frazione si presentano le stesse squadre della prima, al 51′ SuperMario accenna una reazione ad un fallo subito e rischia di combinarne una delle sue, non evitando comunque i fischi del pubblico.

BALOTELLI, GENIO E SREGOLATEZZA – La partita sembra essere a questo punto instradata verso l’1-1 e Prandelli decide allora di cambiare assetto tattico, passando al 4-3-3 con l’inserimento di Cerci, subentrato a Marchisio, autore di una gara incolore.

Arriva la scossa e arriva il gol italiano al 78′ con un magnifico sfondamento di Balotelli, imbeccato in area dal solito Giaccherini, a suo agio nel ruolo di incursore e protagonista di una partita da 7 in pagella.

Il match di fatto si chiude qui e rimane solo lo spazio per l’ingresso in campo di Gilardino e Aquilani e per la standing ovation che il “Maracanà” tributa al nostro numero 9, ancora immaturo ma sempre più decisivo.

E ORA IL GIAPPONE – Con questi tre punti l’Italia affianca in vetta alla classifica del girone A il Brasile e attende ora la sfida di giovedì contro il Giappone di Zaccheroni, in un incontro che per i nipponici sarà già da dentro o fuori.

LE PAGELLE DI MESSICO-ITALIA

Messico: Corona 6, Flores 6,5, Rodriguez 5, Moreno 5,5, Salcido 6, Zavala 5,5 (Jimenez Rodriguez s.v), Torrado 5,5, Aquino 6,5 (Mier 5,5), Dos Santos 6, Guardado 5,5, Hernandez 6

Italia: Buffon 6, Abate 6,5, Barzagli 5, Chiellini 6, De Sciglio 6,5, Montolivo 5,5, Pirlo 7.5, De Rossi 6, Marchisio 5,5 (Cerci 6), Giaccherini 7 (Aquilani s.v), Balotelli 7,5 (Gilardino s.v)

Antonio Casu

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending