Connect with us

Focus

Under 21, Italia in finale: Ecco chi sono i protagonisti del sogno azzurro

Pubblicato

|

Fabio Borini, autore del golIsraele 16 Giugno – Il sogno della finale a Gerusalemme si è avverato: gli azzurrini del ct Devis Mangia, battendo in semifinale l’Olanda, si giocheranno la finalissima martedì contro la Spagna. Ma questa piccola Italia, è entrata nelle simpatie di molti perchè i suoi protagonisti, sono volti noti delle serie A, della B e dei campionati esteri. Calciatori che hanno lottato come leoni contro la rocciosa Olanda e che ora sono vicinissimi al sogno. I ragazzi di Mangia possono farcela. Possono battere la Spagna super favorita e vincere gli Europei. Ma chi sono i protagonisti indiscussi? Vediamone alcuni da vicino.

I campioni del futuro – Il nome più altisonante è quello di Lorenzo Insigne, vero leader e trascinatore. Fantasista dalle doti indiscusse è il giocatore simbolo della squadra. Gioca nel Napoli di Cavani e Hamsik e accanto a loro in campionato non ha mai sfigurato. Si è ritagliato piccoli spazi continuando a crescere guidato dal mister Mazzarri. Insigne, è stato uno dei protagonisti del Pescara dei miracoli di Zeman, che dalla B, grazie al talento dell’allenatorer e dei suoi giocatori è riuscita lo scorso anno a conquistare la promozione in A. insieme a lui, in squadra giocavano Ciro Immobile e Marco Verratti. Il primo, di proprietà della Juve, quest’anno ha giocato nel Genoa, il secondo invece, ha realizzato il sogno di molti giovani calciatori, e quest’anno, dal Pescara neo-promosso si è trasferito in League 1, dove il ct Carlo Ancelotti, lo ha fatto giocare titolare insieme a mostri sacri del calcio internazionale, come Ibrahimovic, Thiago Silva, Lavezzi e Pastore. Con loro ha vinto lo scudetto e se Carlo Ancelotti, si trasferirà al Real Madrid, Verratti potrebbe seguirlo ed indossare ancora giovanissimo (vent’anni appena) la camiseta blanca. Non a caso un grande come Pirlo, ha designato lui, come possibile suo erede. Insieme a lui, anche Florenzi gode del rispetto del fantasista juventino. Romano e romanista, il giovane Alessandro ha collezionato 36 presenze in prima squadra segnando 3 reti in campionato.

E poi come non parlare dell’urlo di Borini dopo il gol che ha regalato la finale all’Italia? Dalla Roma è passato al Liverpool, anche lui, giovanissimo ma con tanta esperienza in campo internazionale, avendo giocato anche nelle giovanili del Chelsea.

Campioni anche in serie B – Ma il bello di questa nazionale, è che insieme a giocatori giovani e con esperienza anche nelle migliori squadre straniere, giocano e non sono da meno, giocatori che quest’anno hanno militato in serie B e che sono retrocessi con le loro squadre, ma che hanno davanti un grande futuro. Parliamo di Giulio Donati, del Grosseto, o di Reggini e Saponara dell’Empoli. Saponara, però giocherà nel Milan la prossima stagione. E poi Bianchetti e il capitano Caldirola, promosso in A con il suo Verona, Fausto Rossi, del Brescia,  hanno tutti dimostrato di essere già dei campioni, lottando con le unghie e con i denti contro i granitici olandesi.

Per finire, ricordiamo Luca Marrone, della Juventus, che infortunatosi nella gara d’esordio è comunque rimasto al fianco dei compagni, a dimostrazione che il gruppo è unito più che mai. la nazionale under 21

Gabbiadini tra i grandi attaccanti – In attacco, Manolo Gabbiadini, è il bomber di questo gruppo, con le sue 12 reti è a caccia del secondo posto di Pirlo (16 gol) e del leader indiscusso della classifica generale, Gilardino con 19 gol. Mattia Destro, promessa della Roma e Alberto Paloschi, tra Milan e Chievo, sono le riserve eccellenti in attacco. Poi il portiere di proprietà dell’Inter, Francesco Bardi, che difende i pali del Novara.

Il Mister, Devis Mangia – Ma l’artefice di tutto, resta Devis Mangia, 39 anni, uno dei tanti mister “silurati” da Zamparini, che gli aveva affidato il Palermo. Passato all’Under 21 sta dimostrando tutto il suo valore. Alla domanda a fine partita sul “catenaccio” tipico degli azzurri, contro l’Olanda lui ha risposto: “non me ne frega niente, siamo in finale e proveremo a vincere contro la Spagna favorita”. Con la sua grinta e la sua forte personalità ha messo la firma su un gruppo di piccoli grandi campioni.

Forza azzurrini.

 Nadia Gambino

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending