Connect with us

Football

Confederations Cup 2013: il Brasile nel segno del numero Tre

Pubblicato

|

numero tre: Neymar

numero tre: Neymar

Nello stadio “Nacional Mané Garrincha” di Brasilia, il Brasile non stecca l’esordio e abbatte il Giappone campione d’Asia con tre gol e il risultato di 3-0. Così i verdeoro si portano momentaneamente primi a punteggio pieno in classifica, mentre i nipponici sono quasi fuori, infatti dovranno a tutti i costi far risultato contro l’Italia nel prossimo match, in attesa poi di scoprire il risultato di questo pomeriggio brasiliano tra gli Azzurri ed il Messico.

NEL SEGNO DEL TRE – Calcio e numeri vanno quasi sempre di comune accordo. Se è vero che chiunque abbia vinto la Confederations Cup poi non abbia vinto il Mondiale successivo (una sorta di maledizione in stile trofeo Berlusconi), è anche vero che il Brasile ha iniziato nel segno del tre. Tre come i gol fatti, come i marcatori diversi (Neymar, Paulinho, Jo), il minuto tre del primo tempo in cui il neoacquisto ha sbloccato la partita (bellissimo tiro al volo imparabile per il portiere avversario), e del secondo tempo, quando il giocatore del Corinthians seguito da molti club italiani (tra cui Inter e Roma) con un tiro velenoso, ha ingannato l’estremo difensore Kawashima, non certo impeccabile nella presa. Al minuto 93 poi (un po’ azzardato ma il tre si ripete) è arrivata anche la firma di Jo che ha chiuso definitivamente un match che era già stato ipotecato. I brasiliani si portano a punteggio pieno in classifica (si sempre il numero tre che si ripete, la persecuzione continua), mentre in questa sera italiana l’esordio dei nostri nel tempio del calcio, al Maracanà di scena la sfida contro il Messico. Diretta su Rai 1 e su Sky (anche in Hd) a partire dalle ore 21:00.

Mirko Di Natale

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending