Connect with us

Basket

La Montepaschi non c’è più, Roma vince in rimonta

Pubblicato

|

Virtus Roma - Montepaschi Siena: Jordan Taylor in azione

Jordan Taylor in azione

L’Acea Roma vince in rimonta Gara 2 per 67-62 pareggiando i conti della serie di finale playoff sull’1-1. La sfida si sposta ora nella città del Palio, dove Hackett & Co. cercheranno il bottino pieno per continuare ad inseguire il sogno dell’ottava coccarda consecutiva.

 I quintetti di apertura sono identici a quelli del primo atto, con Moss a coprire difensivamente su Gigi Datome e Ortner al posto di Eze per contenere Lawal. Già dalle prime battute è evidente che Roma ha tutt’altro piglio in fase difensiva rispetto a Gara1, riuscendo ad imporre il primo break con Goss (5 di fila), a cui risponde un buon Ortner (10 di fila per lui). La Mens Sana non infila la retina dalla distanza e Lawal e Datome attaccano con aggressività, mantenendo la Virtus in vantaggio (18-16 al primo mini-intervallo).

Nel secondo quarto black-out totale per l’Acea, che subisce un parziale di 13-0 prima di riuscire ad essere incisiva in fase offensiva, realizzando solo 6 punti complessivi nella frazione. Siena, padrona del ritmo e sospinta da Eze e Brown, riesce a scavare il solco (24-33 al 20’).

Al rientro dagli spogliatoi la partita assume le sembianze di un 1 contro 1 tra Ortner e Lawal, che danno vita ad un entusiasmante duello sotto ai tabelloni. L’austriaco, perfettamente imbeccato da Brown, è più incisivo del nigeriano contribuendo a portare la Montepaschi anche sul +12. Roma reagisce veementemente con Datome che, districandosi dalla marcatura asfissiante di Moss, permette ai capitolini di ridurre il divario tornando a -5 (46-51).

In apertura del quarto decisivo Taylor e Datome permettono all’Acea di pareggiare i conti con ancora 7’ sul cronometro. Siena non segna più e Lawal ne approfitta per il +4 Roma (57-53). Carraretto e Hackett operano il controsorpasso toscano, ma Datome riesce a riportare stoicamente Roma sul +3. La Montepaschi non c’è più e Taylor può chiudere la contesa dalla lunetta.

Datome:  “Ogni partita fa storia sé, abbiamo fatto una grande prova d’orgoglio, ora andiamo a Siena per ribaltare ancora il fattore campo. Possiamo giocare alla pari con loro dando tutti qualcosa in più, abbiamo voglia di andare in Toscana per fare il colpaccio.”

Ortner : “Abbiamo fatto fatica contro la loro difesa sbagliando tiri aperti e tiri liberi che hanno contato molto, non riuscendo a centrare una vittoria fondamentale. Pensiamo alla prossima partita, vediamo come andrà”.

Francesco Garibaldi

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending