Connect with us

Prima Pagina

Calciomercato Roma: Sabatini punta su Garcia, ma tiene aperte le piste Bielsa e Mancini

Pubblicato

|

Rudi Garcia, la sua Roma è finita in un girone di ferro
Calciomercato Roma: Roberto Mancini, allenatore preferito dai tifosi

Roberto Mancini, allenatore preferito dai tifosi della Roma

A Roma, il caos è di casa. A quattro mesi dall’esonero di Zeman nonm si sa ancora chi allenerà la Rioma il prossimo anno. Baldini si è dimesso per divergenze insanabili, a dire del suo avvocato Mariop Stagliano, con Pannes e Zanzi e Sabatini non riesce a tirare fuori un ragno dal buco. A questo punto non si tratta più di prtima o seconda scelta, ma di cinquantaquattresima (e si perdoni l’esagerazione) per la panchina giallorossa. Così, dopo aver ricevuto i “no, grazie” di Mazzarri e Allegri, la Roma e, in particolar modo Sabatini, si sta arrabattando nella sperranza di trovare un candidato ideale capace di combinare qualcosa di buono nella capitale. Il problema è che il candidato ideale non si trova.

RUDI GARCIA IN POLE – Sabatini sta sondando in toto il mercato allenatori, ma non c’è nessuno che lo convinca appieno. Fino a qualche giorno fa, tutto sembrava portare a Laurent Blanc, ma ora la candidatura dell’ex ct francese è in calo (pare anzi che l’ex interista srtia per diventare il nuovo tecnico della Real Sociedad), men tre sono in rialzo le quotazioni di Rudi Garcia che, al momento, sembra il cadidato principale. Garcia piace a Sabatini per capacità di valorizzare i giovani, credo tattico ed entusiasmo, ma contro si lui pesa l’assoluta ignoranza riguardo la serie A e i dubbi che, catapultato da una piccola e tranquilla realtà come Lille, ad un ambiente turbolento come quello romano, possa subire lo scotto con conseguente danno per la squadra.

BIELSA IN RISALITA – Per questo motivo sta riprendendo quota la candidatura di Bielsa. E’ vero che neanche lui conosce la serie A, ma dalla sua ha un’esperienza internazionale notevole e la capacità di gestire situazioni complicate. Rimane il dubbio che il suo calcio iperoffensivo (non dimentichiamo che adottò il 3-3-1-3, molto prima che Glerean lo importasse in Italia e che il suo Cile, nel 2010, usava proprio questo schema) possa adattarsi alla serie A dove hanno già fallito il tiqui-taca di Luis Enrique e il 4-3-3 di Zeman.

MANCINI IL PREFERITO DEI TIFOSI – Sullo sfondo rimane poi Mancini, il preferito dai tifosi nonostante il suo passato laziale, il cui ingaggio però, implicherebbe non pochi investimenti pesanti sul mercato, investimenti che Unicredit non sembra voler appoggiare.

IL TEMPO STRINGE – Per trovare altri nomi, bisogna fare non pochi sforzi di fantasia: con Martinez accasatosi all’Everton, Simeone che ha ribadito di voler rimanere all’Atletico Madrid, Pioli intenzionato a rispettare il contratto con il Bologna, o Sabatini si inventa un colpo “alla Petkovic” (ci perdonino i tifosi romanisti se abbiamo preso come esempio la Lazio…), cioè un allenatore tenuto nascosto fino all’ultimo e avulso dal grande giro, oppure il nome uscirà per forza di cose dal terzetto sopra menzionato. Occorre però fare in fretta: senza allenatore il mercato è bloccato e la Roma non può permettersi questa situazione di impasse dopo tre anni di fallimenti. Occorre quindi decidere quanto prima: con una tifoseria sempre più in ebollizione e tutti gli occhi degli appassionati di calcio puntati addosso, la Roma non può permettersi altri indugi. Occorre trovare una soluzione condivisa e che sia in grado di riportare emozioni in una piazza che da troppo tempo subisce passivamente le proprie disgrazie e i successi altrui.

Davide Luciani

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending