Matteo De Angelis

Nesta lascia il Milan: fine di una straordinaria carriera

Nesta lascia il Milan: fine di una straordinaria carriera
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dopo 10 anni il difensore dice addio ai rossoneri. Si trasferirà in America

MILANO, 11 MAGGIO 2012 – Alessandro Nesta lascia il Milan. E’ stato lo stesso giocatore ad annunciare l’addio durante la conferenza stampa di ieri. Sono i numeri a rendere palese come questo addio possa lasciare profondi strascichi nell’ambiente rossonero: 10 anni nel Milan, 325 gare disputate e 10 reti messe a segno. Due scudetti, due Champions League, due Supercoppe italiane, due Supercoppe europee, una Coppa Italia e una Coppa del Mondo per club. In mezzo il trionfo ai Mondiali del 2006. Una carriera a dir poco straordinaria che ha reso Alessandro Nesta uno tra i difensori più forti e completi della storia del calcio.

I MOTIVI DELL’ADDIO – Questa è stata la mia ultima stagione al Milan: ho fatto un po’ i conti e i ritmi del campionato italiano, della Champions e della Coppa Italia non mi permettono di giocare sempre. Non ce la faccio ad aspettare in panchina, se non mi sento importante preferisco stare a casa“: con queste parole Alessandro Nesta ha annunciato l’addio ai rossoneri. Sarebbero dunque queste le ragioni per le quali il giocatore rossonero avrebbe deciso di cambiare aria. E come contraddirlo dopo una carriera che lo ha visto protagonista a livello europeo e mondiale. La notizia era nell’aria già da qualche tempo ma questo non ha comunque reso meno traumatica la decisione del difensore: “L’ho deciso a febbraio e ho subito parlato con il Milan. E’ il momento giusto per andarsene“. Una scelta dunque che il difensore meditava già da tempo e che ieri ha vissuto il suo attimo conclusivo.

LA CARRIERA NEL MILAN – Abbiamo già ricordato i trofei conquistati dal difensore azzurro durante le gloriose stagioni rossonere: alcuni però meritano un approfondimento particolare per via del legame che li unisce al giocatore. Come ha voluto ricordare lo stesso Nesta: “La mia vittoria più bella? La prima Champions, quella di Manchester contro la Juventus“. Partita nella quale il difensore mise a segno uno dei rigori che valsero la vittoria dei rossoneri.  Importantissima anche la vittoria nel 2007 contro il Boca Juniors nella finale della Coppa del Mondo per club nella quale Nesta segnò il gol del momentaneo 2-1 per i rossoneri. Non ci sono stati però solo momenti positivi nella sua carriera al Milan: numerosi infatti sono stati gli infortuni (spalla e schiena su tutti) che hanno tenuto Nesta lontano dai campi di gioco per molto tempo e lo hanno costretto ad una lenta riabilitazione. Gli ultimi trofei vinti dal difensore con la casacca rossonera sono stati lo scudetto dello scorso anno e la Supercoppa italiana conquistata a Pechino ai danni dell’Inter. A proposito di scudetto Nesta non ha perso l’occasione di parlare della stagione che si avvia alla conclusione: “Lascio un Milan deluso perché speravamo di vincere il campionato che era alla nostra portata”.

I SALUTI E I RINGRAZIAMENTI – Non potevano mancare naturalmente i ringraziamenti per le persone che hanno condiviso con lui vittorie e sconfitte in questi 10 anni: “Mi mancheranno tutti. Voglio ringraziare tutti quelli che lavorano qui a Milanello. E naturalmente mi mancheranno i miei compagni storici come Ambrosini, Gattuso, Seedorf, Maldini, Costacurta. E Andrea (Pirlo, ndr). Sono venuto a Milano da romano e mi sono sentito meglio che a casa”. Un saluto particolare ha però meritato l’allenatore con il quale Nesta si è trovato meglio e che lo ha consacrato al mondo intero, Carlo Ancelotti: “Il mister è stato l’allenatore più importante della mia carriera, non solo per quello che abbiamo vinto. Un allenatore perfetto“. 

GLI SCENARI FUTURI – Non sono mancate naturalmente domande sul futuro non solo del calciatore ma anche del Milan. Per quanto riguarda la società rossonera Nesta ha riferito che ” il futuro non si sa perché c’è un bel gruppo di giocatori che lascerà il Milan. Se spendi e rinnovi resti a certi vertici, però non so la società cosa voglia fare“. Quasi un’esortazione dunque quella lanciata dal difensore nei confronti del club rossonero. In vista del proprio futuro invece Nesta ha dichiarato di non aver ancora deciso sul da farsi: “Non so ancora dove andrò, non ho firmato con nessuno ma so di lasciare una grande società, dove ho vissuto una splendida esperienza“. E gli U.S.A.?  “Non sarebbe male andare di là; ci andrei volentieri, sarebbe una bella esperienza“. Molto più che un’ipotesi dunque quella di vedere Nesta accasarsi in un club americano nella prossima stagione.

Si conclude quindi l’avventura italiana di uno dei difensori più forti di sempre. Grazie di tutto Ale.

a cura di Matteo De Angelis

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *