Vincenzo Arnone

Giro, quinta tappa: Cavendish brucia tutti in volata

Giro, quinta tappa: Cavendish brucia tutti in volata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Mark Cavendish, nono sigillo al Giro

FANO, 10 MAGGIO – Mark Cavendish colpisce ancora. Nella tappa di oggi, la Modena-Fano di 208 km, il velocista britannico ha battuto in volata Goss, Bennati, Hunter e Modolo. In classifica generale, nessuna variazione di rilievo con la Maglia Rosa che rimane al lituano Navardauskas della Garmin, con 5 secondi di vantaggio sul compagno di squadra Hunter e 11 su Hesjedal, anche lui della Garmin.

CANNONBALL ANCORA A SEGNO – La quinta tappa si apre subito con una fuga. A scattare davanti al gruppo sono De Negri (Farnese Vini), De Marchi (Androni), Bulgac e Kaisen (Lotto-Belisol). I fuggitivi arrivano ad un vantaggio massimo di 6 minuti e 30 ma vengono ripresi dal gruppo poco dopo il Gran Premio della Montagna di Gabicce Monte. La Liquigas di Ivan Basso e la Astana di Roman Kreuziger guidano il gruppo in una serie di salite e discese che nascondono non poche insidie, facendo un buon lavoro per favorire i loro capitani. Anche oggi non sono mancate le cadute. A farne le spese sono stati Favilli, Santambrogio, LL Haedo e ancora una volta l’americano Phinney, ex maglia rosa, già caduto durante la terza tappa e andato fuoristrada nella crono a squadre di Verona. A cinque km dal traguardo, il Team Sky inizia a lavorare per Cavendish che, ai 200 metri, lanciato dal compagno di squadra a Thomas va a conquistare la sua nona vittoria di tappa al Giro. Sul podio, il campione del Mondo ha festeggiato tenendo tra le braccia la figlia Delilah Grace, nata lo scorso 3 Aprile.

LA SESTA TAPPA – Da domani i corridori incontrano le montagne, con la prima delle tre tappe sugli Appenini e i 210 km che compongono la Urbino-Porto Sant’Elpidio potrebbero avviare una prima selezione, dando una fisionomia diversa alla classifica generale. Il tratto di maggiore difficoltà sarà probabilmente rappresentato dai 4,5 km di salita verso Passo della Cappella, Gran Premio della Montagna di seconda categoria. Tutti gli occhi saranno puntati sul vincitore del Giro dello scorso anno, Michele Scarponi (vittoria arrivata dopo la squalifica di Contador), che si troverà a correre nella sua terra di origine. E i suoi sostenitori sperano, per lui, in una vittoria in casa.

Vincenzo Arnone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *