Massimiliano Riverso
No Comments

Il sogno nerazzurro di Erick Thorir. Moratti chiede garanzie

Il presidente nerazzurro sarebbe disposto a cedere le sue quote solo quando riceverà da Thohir le giuste garanzie sulla costruzione del nuovo impianto

Vicino il passaggio di proprietà tra Massimo Moratti ed Erick Thohir

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Sono anni ormai che all’Inter si sente parlare di “progetto nuovo stadio” e ogni volta che sembra quasi definito, ecco che arriva puntuale la frenata. E’ già successo in passato con la cordata di costruttori cinesi, e si sta ripetendo con il magnate indonesiano Erick Thohir.

Massimo Moratti, dal canto suo, ha già steso un progetto per lo stadio di proprietà (dovrebbe sorgere nella zona di San Donato milanese), ma indiscrezioni dell’ultima ora rivelano che Thohir vorrebbe cercare di rilanciare San Siro, affascinato dalla storia e dal prestigio che solo il Meazza può avere.

Il ricco indonesiano, infatti, vorrebbe rilevare il 51% delle azioni di Moratti, in modo da diventare proprietario di maggioranza. Il presidente nerazzurro sa benissimo che all’Inter, per tornare vincente, servono nuovi fondi, e sarebbe disposto a cedere le sue quote solo quando riceverà da Thohir le giuste garanzie sulla costruzione del nuovo impianto.

Non solo stadioErick Thohir, già propietario dei DC United, squadra che milita nella MLS americana, avrebbe intenzione, una volta diventato azionista di maggioranza dell’Inter, di creare un legame tra le due squadre, e mandare qualche giovane ragazzo della primavera nerazzurra a farsi le ossa in America. Idea interessante, che dimostra quanto Thohir sia anche un tifoso appassionato, e non solo il classico magnate che pensa esclusivamente ai suoi affari.

Sappiamo inoltre, che in Indonesia, l’Inter è la squadra che va per la maggiore, anche grazie alle recenti tournée. Chissà se anche Thohir non tifasse Inter fin da quando era bambino?

Stefano Stucchi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *