Antonio Fioretto
No Comments

Juventus, Platini diventa amico del giaguaro

Le roi dichiara: "29 o 31? Gli scudetti sono 29, la decisione della Federazione è quella giusta"

Juventus, Platini diventa amico del giaguaro
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Lo sgomento e lo stupore, nonché la delusione, sono simili a quelli provocati da una pugnalata alle spalle, morale o fisica che sia.

Ma come? Proprio lui? Ed io che credevo fosse dei nostri! Non è difficile immaginare i tifosi juventini in una di queste espressioni. Il dolore di vedere un compagno di mille battaglie, nonché simbolo della Juventus e della juventinità, passare dalla parte del nemico è indescrivibile.

Suvvia, probabilmente si sta esagerando. Anzi, senza il probabilmente. Non è forse vero che, nel nostro ‘bel paese’, si viene spesso accusati di essere tifosi fanatici, coi paraocchi o senza un minimo di obiettività? Michel Platini (è lui il personaggio in questione) non ha fatto altro che esprimere la sua opinione, incondizionata e libera da qualsiasi tipo di senso d’appartenenza, come conviene ad una carica simile alla sua.

IL FATTO Alla domanda “Gli Scudetti della Juve son 29 o 31?“, posta da un giornalista più scaltro che curioso, Platini ha risposto in questo modo: “Gli Scudetti sono 29“. Da Presidente dell’ Uefa Platini avrebbe potuto rispondere poco altro. C’è qualcosa, tuttavia, che ha indispettito i sostenitori della Vecchia Signora. Le Roi non si è fermato ad una semplice affermazione. Ha bensì motivato il suo pensiero. “Capisco i tifosi che non vogliono perdere quei due scudetti, ma poi c’è la giustizia e ci sono regole che li hanno tolti. Agnelli punta sempre sul 31? Il conto giusto ce l’ha la Federcalcio, conta solo quello, non quello che pensa Andrea Agnelli”.

Insomma, nell’ambiente della Madama c’è il sospetto che Platini non sia più amico della Juve, bensì amico del giaguaro, come si suol dire. Che le scartoffie gli abbiano fatto scordare 3 Palloni d’Oro, 1 Champions, 1 Intercontinentale, 3 Scudetti …. ?

Antonio Fioretto

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *