Andrea Croce

Calciomercato Torino, Cairo può garantire un futuro da Grande?

Calciomercato Torino, Cairo può garantire un futuro da Grande?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Alla ricerca di un progetto con tanti lati oscuri

Presidente del Torino dal 2005

Presidente del Torino dal 2005

TORINO, 22 MAGGIO – Era il 2005 quando Urbano Cairo è diventato presidente del Torino, del nuovo Torino, che al primo anno centrava la promozione in Serie A e faceva sperare i tifosi che per troppi anni avevano assistito e si erano ribellati a chi del Toro si era solo servito per farsi pubblicità.

“PREMESSE” NON MANTENUTE – La promozione dovrebbe essere l’impulso decisivo per gettare le fondamenta di un progetto sportivo e societario capace di riportare il Torino a traguardi sempre più ambiziosi. Gli acquisti di Abbiati, Fiore e Barone, tra gli altri, sono dei colpi ad effetto, ma senza una programmazione chiara, il rischio è di vanificare tutto. L’esonero di De Biasi prima ancora che inizi la stagione è segnale troppo chiaro di quanto le idee siano confuse.

CONTINUE RIVOLUZIONI – Il tempo passa e le abitudini non cambiano. Si passa da rifondazioni estive a rivoluzioni invernali, con un susseguirsi di allenatori da fare invidia a Zamparini. I risultati nella massima serie si riducono a qualche salvezza stentata, mentre nella serie cadetta c’è spazio per un’altra promozione dopo due tentativi falliti. Dopo 8 anni di presidenza Cairo, non rimane traccia di un progetto degno di questo nome e come ogni estate anche la prossima sarà piena di cambiamenti.

UNA ROSA IN PRESTITO – La squadra guidata da Ventura avrebbe bisogno di pochi innesti per puntare a qualcosa in più di una salvezza tranquilla, ma il vero problema è che della rosa attuale potrebbe rimanere ben poco, a meno che non si decida di intaccare il budget (20 milioni di euro?) destinato al calciomercato. In scadenza di contratto ci sono Coppola, Rodriguez e Rolando Bianchi, ormai vicinissimo al Genoa,  Il 30 Giugno Matteo Brighi farà le valigie e tornerà alla Roma per fine prestito. Poi ci sono i giocatori da riscattare partendo dalle comproprietà: Darmian, Glik e Basha aspettano una chiamata per capire il loro futuro. A questi si aggiungono altri 5 prestiti sempre con diritto di riscatto come Caceres, Menga, Santana, Birsa e Jonathas. Il rischio vero di veder svanire l’intero budget a disposizione del DS Gianluca Petrachi è legato alle permanenze di Cerci, Stevanovic e Barreto che, oltre a Bakic, sono in comproprietà libera.

Riassumendo nella rosa del Toro ci sono solo 9 calciatori di proprietà, tra cui Ogbonna che è sulla lista dei desideri di mezza Serie A. Un po’ poco per pensare in grande, a meno che non si cominci a pianificare nel tempo, senza troppi proclami, ma puntando sulla continuità. Su uno staff tecnico che sappia ripartire, magari valorizzando i giovani, per farli crescere e sentire a casa. Insomma facendogli respirare la storia del Torino, senza che a metà campionato debbano pensare a preparare le valigie in cerca di una nuova casa. Proprio in casa il Torino può contare su Moreno Longo, allenatore della Primavera, che sta facendo un lavoro eccezionale e guiderà i suoi ragazzi nella Final Eight del campionato nazionale Primavera in programma a Gubbio e Città di Castello dall’1 al 9 Giugno. Il rischio è che, senza investimenti mirati e un progetto a lungo termine, questi giovani vadano a fare le fortune di altre squadre, come troppo spesso accaduto in passato.

 

Andrea Croce

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *