Redazione

Serie A Beko, Roma e Cantù in semifinale playoff

Serie A Beko, Roma e Cantù in semifinale playoff
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Negli atti conclusivi dei quarti di finale dei playoff BEKO, affermazione casalinga dell’Acea Roma che battendo Reggio Emilia vola in semifinale dove affronterà la Lenovo Cantù, che passa al PalaSerradimigni di Sassari eliminando la squadra di Meo Sacchetti. Stasera Milano-Siena

BANCO DI SARDEGNA- LENOVO CANTU’ 95-97 (3-4)    Cantù espugna il PalaSerradimigni grazie ad una prova perfetta, eliminando Sassari che abbandona con più di un rimpianto la corsa verso lo scudetto. Inizio perfetto di Cantù che con Ragland (20) e Brooks (13) vola sul 18 a 2, la Dinamo è completamente sotto shock e prova a reagire con la zona riuscendo con Travis Diener (18) ed Easley (11) a tornare sul -13 (16 a 29) alla fine del primo periodo.
La seconda frazione comincia meglio per il Banco di Sardegna che con la tripla di Becirovic (10) e il contropiede di Sacchetti (11) sul – 6, ma Cantù non molla e con il tiro pesante di capitan Mazzarino (12) e riprende il largo. La Dinamo cerca di alzare il ritmo partita per recuperare lo scarto trovando nella coppia Vanuzzo- Travis Diener due buoni artefici, ma dall’altra sponda Ragland è perfetto e mantiene i suoi avanti, con Thornton (18) che appoggia allo scadere per il -7.

Il secondo tempo si apre con il duello a distanza Tyus-Thornton che infiamma il palazzetto. Il parziale esterno firmato Aradori- Scekic permette agli ospiti di allungare ancora e con due triple consectuvie del cardinale Mazzarino la Lenovo vola sul +12 al termine del terzo quarto.
Nell’ultimo periodo i sardi provano a rientrare con Drake Diener (11), ma Tyus (12) tiene avanti gli ospiti sull’88 a 75. La Dinamo non molla e con Travis Diener e Thornton con un gioco da tre punti per il -4 interno. La bomba di Sacchetti vale il -1 per i padroni di casa a 3 minuti dalla fine della gara, dall’altra parte Ragland non sbaglia dalla lunetta, Diener insacca la tripla della perfetta parità a quota 90. Scekic (10) in appoggio porta i biancoblu sul +2, Vanuzzo gli replica però con i 3 punti del primo vantaggio sardo sul 93 a 92. Sacchetti risponde ad Aradori, prima dei personali di Ragland per il 96 a 95 esterno. Tyus insacca il libero che regala alla Lenovo la vittoria per 97 a 95 e il passaggio in semifinale, inutile il tentativo azzardato sulla sirena di Brian Sacchetti.aradori

Queste le parole di Trinchieri, coach della Lenovo, al termine della gara: ” Devo fare i complimenti alla Dinamo per la grande stagione. Sono stati spumeggianti, di talento, continui e sono arrivati secondi. Però Cantù va in semifinale. Abbiamo riportato la squadra in Eurocup. Ora la chiave è capire cosa vogliamo fare. Roma è una squadra difficile, ostica, atletica e dura, che ci ha messo in difficoltà, però è una semifinale. Quando esci a ballare, finché c’è musica, anche se si è stanchi, si va”.

 

 

ACEA ROMA- TRENKWALDER REGGIO EMILIA 72-59 (4-3)  Roma batte ancora al Palazzetto di Viale Tiziano la Trenkwalder e vola in semifinale dove affronterà la Lenovo Cantù.

I ragazzi di Calvani sono molto concentrati e ad inizio secondo quarto sono sopra 23-18.
Ad inizio secondo quarto la Virtus cambia le carte in tavola partendo con Bailey mentre Menetti risponde con il solito starting five, con il risultato che dopo poco Brunner commette il suo terzo fallo e Roma può allungare con J.Taylor e l’MVP Datome (15) che, prima vola sulla testa di Cervi ad inchiodare, poi spara da 3 mandando in visibilio il numeroso pubblico accorso al palazzetto. Cinciarini (23) è l’unico che riesce ad impensierire seriamente la difesa romana e segna il -5 che manda tutti negli spogliatoi.bobby jones
Il terzo quarto si apre con gli errori di Reggio e la tripla di Bobby Jones che permette a Roma di riallungare. Donell Taylor e Bell faticano ad entrare in partita e Reggio ne risente terribilmente, affidandosi al playmaker della Nazionale per rimanere in vita. L’asse play-pivot di Calvani J.Taylor-Lawal (16)è devastante, mentre Reggio non ne ha più.
Nell’ultima frazione Taylor inaugura con una tripla (57-45) , mentre Brunner rimpingua il tabellino personale da sotto. Bobby Jones mette un’altra tripla per il +13, dando inizio ad un anticipato garbage time, in cui i circa 400 tifosi reggiani accorsi nella capitale ringraziano la propria squadra per lo splendido campionato.

Così Calvani nella conferenza-stampa post-match: “Siamo contenti di aver scritto una pagina storica per Roma, date le premesse di inizio stagione in cui il club ha rischiato anche di non iscriversi. Abbiamo cambiato tanto, tutto tranne Datome e Tonolli, rischiando un’asse play-pivot formato da un rookie e da un giocatore senza precedenti in campionati di primo livello. Ecco, arrivare ad essere fra le prime 4 squadre in Italia è un risultato importante. Il primo ringraziamento va al presidente Toti che ha permesso a Roma di poter rivivere ancora l’entusiasmo che da qualche tempo si era perso, bisogna dare il merito a una persona che da 12 anni investe tanto nella pallacanestro”.

 

Francesco Garibaldi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *