Daniele Cerato

Giro 2013, presentazione della diciassettesima tappa: Caravaggio – Vicenza, 214 km

Giro 2013, presentazione della diciassettesima tappa: Caravaggio – Vicenza, 214 km
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tappa relativamente tranquilla prima dei giorni di montagna che decideranno il Giro

Uno dei più grandi poeti italiani, Giacomo Leopardi, nel 1829 scrisse la poesia: “ La quiete dopo la tempesta “. Noi ci permettiamo di prendere a prestito il titolo di questo canto per introdurre la tappa di oggi, con un solo cambiamento: sostituire prima con dopo. Già, perché la tappa di oggi, pur non essendo la classica frazione per velocisti, sarà per molti un’opportunità per mettersi in mostra e cercare di vincere, prima dei giorni di fuoco sulle montagne.
L’unico pensiero degli uomini di classifica invece, sarà quello di evitare le cadute, ( grandi protagoniste nei primi giorni di questo Giro) e di far riposare, per quanto possibile, le gambe. Lo spettacolo dunque, si dovrebbe vedere solo nella volata finale, se sarà volata.

Infatti, come spesso è accaduto in questo giro, ( e se vogliamo anche ieri ad Andrate ) dopo un percorso tutto pianeggiante, ci sarà l’ormai classica asperità,  appena prima del traguardo finale: il GPM di quarta categoria di Crosara che però, differentemente da ieri e da altre occasioni, potrebbe non impensierire molto.

IL PEGGIO DEVE ANCORA VENIRE – Dopo i 5 km al 10 %, ne seguiranno infatti sedici totalmente pianeggianti, ed è quindi possibile che siano gli sprinter a contendersi il gradino più alto del podio. Anche il meteo dovrebbe essere clemente e risparmiare gli atleti prima degli sforzi futuri: la tempesta insomma, ciclistica e non, può ancora attendere ventiquattro ore.

Daniele Cerato

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *