Redazione

Navardauskas scippa la maglia rosa a Phinney. La crono di Verona regala mille emozioni

Navardauskas scippa la maglia rosa a Phinney. La crono di Verona regala mille emozioni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

In fila i Barracuda della Garmin

Verona, 9 maggioIl lituano Ramunas Navardauskas del team Garmin-Barracuda, è la nuova maglia rosa. L’avevamo detto che la crono a squadre di Verona avrebbe cambiato la classifica generale e così è stato. La BMC di Taylor Phinney arriva con 31’ secondi di ritardo, troppi per conservare la maglia rosa. Il team russo Katyusha è la sorpresa della giornata. Chiude la crono a squadra in seconda posizione con 5 secondi di ritardo dai primi, facendo guadagnare al suo uomo classifica, lo spagnolo Rodriguez, 35 posizioni e tanti secondi sugli altri uomini classifica. Rodriguez a fine giornata avrà 17 secondi di vantaggio su Basso, 39’ su Franck Schleck e ben 52’ su Scarponi.

Cinici i BarracudaFarrar, Rasmussen, Navardauskas, Hunter, Bauer, tutti corridori del team Garmin con buone possibilità di vestire a fine giornata la maglia rosa. Un’occasione troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire. I Barracuda dovevano guadagnare più tempo possibile sulla BMC di Taylor Phinney. Per questo quando s’è trattato di scegliere tra l’aspettare Rasmussen, il primo di loro in classifica, o abbandonarlo per non perdere secondi, non hanno avuto nessuna incertezza: hanno tirato diritto. Nella crono a squadra il tempo si ferma quando il quinto del team passa sotto il traguardo. Agli altri corridori della squadra si assegna il tempo individuale. Rasmussen passerà sotto il traguardo con un ritardo di circa 4 minuti. Bravo Navardauskas a restare con gli altri. A fine tappa la Garmin-Barracuda piazzerà 6 corridori tra i primi 10 in classifica generale.

Commovente Phinney – “Giornata schifosa” per Taylor Phinney. Affranto e deluso l’americano non ce la fa a conservare la maglia rosa. Il dolore alla caviglia, rovinata dalle cadute in Danimarca, arriva fino alla testa. L’americano rischia tanto sulle strade di Verona. Un fuori strada all’uscita di una curva fa temere il peggio ma è bravo a tenere la bici in piedi sull’erba e a non finire nel fossato. La squadra è costretta ad aspettarlo. Alla fine andrà ad abbracciare uno a uno i suoi compagni e a ringraziarli per quello che hanno fatto per lui.

Delusione Sky, incoraggiante Basso – Nonostante i tanti passisti delude Sky. Nella crono a squadre oltre le gambe ci vuole tanta armonia e il team Sky non l’ha mostrata. La Liquigas di Basso chiude con un ottimo tempo, ma perde tanto dalla Katyusha di Rodriguez, un altro dei favoriti per la vittoria finale. Nuovamente anonima la prestazione di Frank Schleck che perde ancora secondi a favore di Basso. Domani una tappa pianeggiante. Ma da venerdì si fa sul serio con le prime montagne che delineeranno nuovi scenari.

a cura di Francesco Di Santi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *