Redazione

Massimiliano Allegri, un allenatore fuori dal comune

Massimiliano Allegri, un allenatore fuori dal comune
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

«Ho fatto la figura del bischero, ma posso spiegare tutto…ora ci tengo a mettere le cose a posto»

MILANO, 16 MARZO – Massimiliano Allegri, allenatore del Milan, tra vittorie e trofei si racconta in un’inedita intervista a Vanity Fair, celebre rotocalco femminile. Tra ipotetici flirt e storie passate. Un Max tutto nuovo, tutto bischero, tutto vincente, una sola fede.

L’intervista inizia proprio con una dichiarazione sugli ultimi eventi:  «Ho fatto la figura del bischero, ma posso spiegare tutto…ora ci tengo a mettere le cose a posto».  Allegri ritorna sul passato recente, la storia che ha portato alla nascita del suo secondogenito: «Sono in pace con la coscienza. Claudia non è più la mia compagna. E’ finita da settembre, prima che nascesse il bambino. La crisi è arrivata durante la gravidanza, stavamo insieme da 8 anni. Ma allenavo il Cagliari e il Sassuolo, e a nessuno fregava niente. Poi è finita, ma abbiamo un figlio insieme. E il nostro compito, ora, è non fargli subire il trauma dei genitori separati. Come sono un buon papà di Valentina, sarò un buon papà di Giorgio».

Barbara D’Urso, c’è stato un flirt? «E’ stato solo un giro di fumo, da cui si è alzato un polverone, ci siamo conosciuti ad una festa. Io so solo che la ritrovai a cena da Giannino, mi disse: “Ti porterò fortuna”. Beh, si vinse il derby, e altre cinque partite. È la mia mascotte. Ma non ho neanche il suo cellulare».

[smartads]

La rivista Oggi pubblica una foto con la modella Gloria Patrizi: «L’ ho conosciuta a una cena, quattro mesi fa, con amici. È una ragazza simpatica». Rimarca di essere single e che non ci sia nulla tra loro, ma …. «Però non si sa mai».

Passato turbolento per l’indomabile toscano: «Nel 1994, avevo 27 anni. Con Gloria, da cui ho avuto poi Valentina. È una hostess. Nel 1998 abbiamo divorziato». Ad Erika l’amaro boccone«Lei è stata il mio primo amore, a Livorno. Sette anni insieme, dai 17 ai 24. Ci eravamo conosciuti alla Baracchina Bianca, il punto di ritrovo dei ragazzotti, lì sul mare. Ero con i miei amici, in mezzo a un gruppo di ragazzine vedo lei, ma non me la sono sentita. Gliel’ho detto. A lei e a padre Ermenegildo, che avrebbe dovuto sposarci, ci rimasero così male mia mamma Carla, infermiera, e il mio babbo Augusto, scaricatore di porto. Ora hanno 68 e 73 anni e sono in pensione. Erano affezionati a Erika, l’avevano vista crescere». Rivelazioni scottanti quindi per l’adorabile Massimiliano, che sicuramente in futuro si toglierà tante soddisfazioni in amore ed in campo.

Ivana Asciolla

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *