Massimiliano Riverso
No Comments

Il Tornado Alley: “Disaster from the sky in Oklahoma” | Foto Video

Case e scuole divelte, ospedali e autostrade squarciate e quartieri interamente rasi al suolo dalla violenza del tornado-monstre che si è abbattuto ieri nella cittadina di Moore, a sud di Oklahoma City.

Case distrutte dal tornado

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Case e scuole divelte, ospedali e autostrade squarciati e quartieri interamente rasi al suolo dalla violenza del tornado-monstre che si è abbattuto ieri nella cittadina di Moore, a sud di Oklahoma City.

Il bilancio provvisorio, di quello che viene definito dagli esperti come uno tra ‘i fenomeni più devastanti al mondo’, è drammatico: oltre novanta vittime (di cui almeno 20 bambini rimasti sepolti sotto le macerie di una scuola), centinaia di feriti e almeno settemila abitazioni senza corrente elettrica.

LA STRAGE DEGLI INNOCENTI – “Per favore, salvate quei bambini“: è l’urlo di dolore rivolto da genitori e cittadini ai vigili del fuoco, che  hanno scavato per tutta la notte alla scuola elementare Plaza Towers alla ricerca dei venti bambini ancora dispersi. Le operazioni di salvataggio sono in corso, ma le speranze di ritrovare in vita i piccoli studenti sono appese al lumicino.

Ha subito invece solo lievi danni strutturali l’altra scuola elementare di Briarwood colpita dalla ‘ira funesta’ della tromba d’aria.

IL TORNADO ALLEY – I meteorologi statunitensi hanno descritto il fenomeno come “una palla da bowling che ha attraversato la città“. Il Tornado Alley è uno dei fenomeni più devastanti presenti in natura: il suo potere distruttivo deriva dall’altissima frequenza di violenti vortici d’aria ad alta intensità.
Questi fenomeni sono tipici di ambienti instabili, quali l’area sudorientale degli Stati Uniti in cui masse d’aria calda interagiscono con le correnti freddo-umide del Golfo del Messico innescando violenti tornado. In tal contesto è praticamente impossibile prevedere il momento e il luogo della genesi del fenomeno.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *