Massimiliano Riverso
No Comments

L’Inter dei record con Stramaccioni

Il 19 Maggio 2013 verrà ricordato come il giorno della Liberazione nerazzurra

L’Inter dei record con Stramaccioni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’anno horribilis dell’Inter di Andrea Stramaccioni si è chiuso la notte del 19 Maggio 2013 sotto i colpi dell’Udinese dei miracoli.

Di Natale & Co. hanno impartito una lectio magistralis ai nerazzurri, affondati dalle prodezze balistiche dei funamboli friulani e dalle geometrie dell’allenatore più sottovalutato della Serie A, Francesco Guidolin. Strama e i suoi uomini si sono congedati dalla Nord e dalla Scala del Calcio nel peggior modo possibile, una resa incondizionata estranea ai valori innati dell’FC Internazionale.

Il 19 Maggio 2013 verrà ricordato come il giorno dellaLliberazione nerazzurra, liberazione da una stagione conclusa mestamente al nono posto in classifica(fuori dall’Europa e per la prima volta agli ‘ambiti’ preliminari di Coppia Italia), liberazione da statistiche impietose che rievocano gli anni nefasti del dopoguerra.

L’Inter dei record con Stramaccioni può essere riassunta in quattro dati statistici, numeri sconcertanti che dovranno essere valutati nel lungo silenzio in cui si è chiuso il presidente Massimo Moratti.

16 SCONFITTE STAGIONALI IN CAMPIONATO – L’Inter di Stramaccioni ha superato il record di sconfitte che durava dal lontano dopoguerra (stagione 1946-47). Non si tratta di un record assoluto perché l’anno successivo i nerazzurri hanno totalizzato più sconfitte (19), ma la Serie A era composta da 22 squadre.

GIRONE DI RITORNO DA INCUBO –  Dieci sconfitte, equamente suddivise tra casa e trasferta. Nell’infernale girone di ritorno la Beneamata ha totalizzato la miseria di 19 punti: solo Pescara (2 punti), Palermo (15) e Atalanta (18) hanno fatto peggio dell’armata Brancaleone guidata da Stramaccioni. L’indisponibilità dei pezzi pregiati a disposizione del tecnico romano non è un attenuante per giustificare un trend da neopromossa.

DIFESA SCOLAPASTA – Con il pokerissimo incassato dall’Udinese, l’Inter è diventata la seconda peggior difesa del campionato a quota 57 reti subite, meglio solo del ‘traumatizzato’ Pescara che ha subito 84 reti. Solo nella stagione 1949/50, l’Inter incassò un passivo di 60 reti a fronte però di 99 reti segnate. Ma siamo sicuri che Ranocchia e Juan Jesus siano difensori da Inter?

RECORD ASSOLUTO – Per la prima volta nella sua gloriosa storia in campionato l’Inter ha registrato un saldo negativo tra gol segnati e gol subiti. Gli almanacchi Panini ci ricordano che era successo anche nella stagione 1946/47, ma la squadra si chiamava ancora Ambrosiana. Nella seconda parte della stagione Stramaccioni ha dovuto fare a meno del tridente d’attacco (Palacio, Milito e Cassano), Sneijder è volta in Turchia e la strana coppia Alvarez-Rocchi ha totalizzato uno score ridicolo. Una buona fetta di colpe è da addossare al dt Marco Branca, colpevole di aver portato alla Pinetina un giocatore ormai finito e di aver svenduto un talento cristallino come il genio di Utrecht.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *