Antonio Scali
No Comments

Inter-Udinese 2-5: Guidolin vince il suo “scudetto”, l’Inter chiude nona

L'Udinese vola in Europa per la terza stagione consecutiva. Per l'Inter finisce una stagione da incubo

Inter-Udinese 2-5: Guidolin vince il suo “scudetto”, l’Inter chiude nona
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Inter-Udinese

Inter-Udinese

L’Udinese di Guidolin completa l’ennesima impresa conquistando un posto per la prossima Europa League. Per l’inter invece un’altra brutta prestazione in una stagione da dimenticare. A san Siro i bianconeri calano il pokerissimo sfruttando soprattutto i grossi limiti difensivi della squadra di Stramaccioni falcidiata dagli infortuni e compiendo quasi un miracolo visto i tanti big che ogni anno lasciano il Friuli. Sempre più incerto e in discussione il futuro dell’Inter e del suo tecnico.

LA PARTITA – L’Inter è la seconda peggior difesa del campionato e questa partita lo ha ampiamente confermato viste anche le numerose defezioni. Le emozioni a san Siro arrivano subito. Pronti via e l’Udinese al primo minuto è già in vantaggio con la rete di Pinzi che supera Handanovic con agilità.  I bianconeri vanno lisci come l’olio sul terreno di Milano rischiando il raddoppio già al nono con Di Natale ma Cambiasso è bravo a salvare sulla linea. Solo un giro di lancette dopo il gol del 2-0 si concretizza con Domizzi che insacca in tutta tranquillità. Altro giro di lancette e altro gol.  Questa volta segna l’Inter accorciando le distanze: Juan Jesus di sinistro trafigge Brkic all’angolino. Sempre nel primo tempo arriva il gol del 3-1 che è un vero capolavoro del solito Di Natale. Destro a giro imparabile per il bomber napoletano che chiude alla grande un’altra sontuosa stagione.

Nella ripresa Gabriel Silva sfrutta l’ennesimo svarione difensivo e chiude la partita. A poco serviranno le reti di Rocchi e di Muriel, uomo simbolo di questa squadra, per il definitivo 2-5.

Guidolin riesce nell’impresa di portare la squadra di Pozzo in Europa per il terzo anno consecutivo. Un piazzamento meritato viste le otto vittorie consecutive nel finale di stagione, sperando che questa volta la minore delle Coppe europee non venga snobbata. Per l’Inter l’unico sollievo è che questa stagione da incubo è finita. Chiudere noni fa male e adesso spetterà alla società fare delle serie riflessioni sul futuro dei nerazzurri. Subito dopo ferragosto ci saranno i preliminari di Coppa Italia. Si prospetta una stagione molto lunga ma che deve dare risultati diversi.

Antonio Scali

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *