Vincenzo Galdieri

Le pagelle di Sampdoria-Juventus 3-2: Da Costa irresistibile, Quagliarella cecchino

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La Juve gioca bene ma viene punita dagli episodi: Quagliarella e Giaccherini i migliori. Nella Samp un favoloso Da Costa

Quagliarella uomo partita Sportcafe24. Il miglior attaccante bianconero e non soltanto in questa partita. Segna e si sbatte, è il più pericoloso.

SAMPDORIA

DA COSTA 7,5 (IL MIGLIORE) – Irresistibile. La Juventus potrebbe fare 4 o 5 gol, ma lui è in serata da sogno. Para tutto ed il contrario di tutto.

GASTALDELLO 6,5 – Centrale di sostanza e ragionamento, fa una gran figura al cospetto della sua ex squadra.

MUSTAFI 6 – Ruvido ma essenziale: dalle sue parti non si passa.

CASTELLINI 5,5 – Ruvido e basta, è il più insicuro dei suoi e rischia parecchio con falli e falletti per sua fortuna non sempre visti bene dall’arbitro.

OBIANG 7 – Che giocatore. Regista e mediano, fa tutto. E lo fa bene. E’ vero che alla Juventus mancavano i top player Marchisio e Vidal, ma il padrone del centrocampo è lui. Più di Pirlo, mica l’ultimo arrivato.DE SILVESTRI 7  – Secondo gol consecutivo, questo è decisivo per la vittoria contro i Campioni d’Italia. Partita super.

PALOMBO 5,5  – Sbaglia qualche appoggio, forse stanco dopo una seconda parte di stagione vissuta da protagonista dopo una lunga inattività. Sostituito a metà ripresa. Dal 69′ MUNARI 6 – Fa legna nel momento decisivo della gara.

POLI 5,5 – Forse distratto dalle tante voci di mercato, si rende protagonista di una prova comme ci comme ca

ESTIGARRIBIA 7,5 – Partita da esterno funambolico, a distanza di parecchio tempo si rivede quel giocatore che aveva stregato la Vecchia Signora. Ed è proprio contro la “sua” Juventus che, guarda caso, torna a dare il meglio di se’: la cavalcata da cui nasce il 3-1 è da oscar.

EDER 6,5 – Il gol su rigore e tanti buoni dribbling: ottima partita.

icardi

ICARDI 6 – Salvato da un gol a porta vuota dopo l’ennesima prestazione incolore: da quando ha firmato per l’Inter si è eclissato. Non vede l’ora di andare a Milano, ma deve tornare a lavorare sodo e correre.

All. DELIO ROSSI 7 – Bravo, sagace e con quel pizzico di fortuna che non guasta mai. La sua Sampdoria è ben diversa da quella dell’andata e la doppia vittoria sulla Juve è un capolavoro.

JUVENTUS

STORARI 5 – Imperfettissimo in occasione del secondo gol, in generale non trasmette mai sicurezza. Dal 79′ RUBINHO sv – A nipoti e pronipoti potrà raccontare di aver indossato la maglia della Juventus Campione d’Italia.

CACERES 6 – Nessuna distrazione, fa il compitino ma non prova ad andare oltre.

BONUCCI 6,5 – La solita garanzia, nessuna colpa nei tre gol subiti.

CHIELLINI 6 – Buonissima gara, punito soltanto da un fallo da rigore in realtà inesistente.

ISLA 6 – Sarebbe anche da 6,5 perchè qualche cross stavolta lo imbrocca, ma perdersi De Silvestri sul 2-1 non è un’azione degna di un titolare di questa Juve. Ha talento da vendere, deve ritrovare il carattere perso per strada chissà dove.

PADOIN 6 – Grande lavoratore, ma non lo scopriamo oggi. Dal 75′ LICHSTEINER 6,5 – Entra e la differenza si vede subito: gran cross per il gol di Giaccherini.

GIACCHERINI 7 (IL MIGLIORE) – E’ il più in palla dei suoi. Fa impazzire gli avversari coi suoi ghirigori, poi segna pure con una super staffilata. Re dei gol last minute.

PIRLO 6,5 – L’assist per Quagliarella e la solita sapienza mista genialità. Stavolta ci mette pure tanto furore agonistico. Unica pecca: la punizione calciata al 93esimo non è da Pirlo.

DE CEGLIE 5,5 – Altra prova poco convincente: in estate potrebbe finire sulla lista dei partenti.

QUAGLIARELLA 7 – Il miglior attaccante bianconero e non soltanto in questa partita. Segna e si sbatte, è il più pericoloso. Il rapporto gol\minuti giocati è spettacolare. Si chiarisca con Conte se c’è qualcosa da chiarire, e rimanga a Torino: cederlo sarebbe un peccato, perchè ha davvero il phisique du role per stare in questa Juventus.

GIOVINCO 5,5 – Qualche bella intuizione, ma nel complesso è di nuovo troppo poco: non sembra più credere in se’ stesso, la Juve sta cominciando a credere meno in lui. Dal 73′ BENDTNER sv – Entra e si rompe il polso, che razza di sfortuna. E sarà pure la sua ultima istantanea nel mondo Juve: bye bye Bendtner. In Inghilterra spera di ritrovare gol e continuità, in ogni caso a Torino nonostante tutto non ha mai perso quel sorriso da furbacchione.

All. CONTE 6 – Sufficienza di stima. La verità è che stavolta sbaglia qualcosa, ma gli è concesso: dopo un’annata del genere punirlo con un votaccio sarebbe esagerato.

Vincenzo Galdieri

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *