Redazione
No Comments

Europa League, Chelsea-Benfica: le interviste in mixed zone

Benitez: “Sono molto contento. Napoli? Squadra forte…”. J. Jesus: “Meritavamo di vincere”

Europa League, Chelsea-Benfica: le interviste in mixed zone
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Chelsea vince l'Europa LeagueLa Finale di Europa League ha regalato un altro trofeo al Chelsea di Roman Abramovich, il secondo dopo quello conquistato lo scorso anno in Champions League. Tra l’altro, i Blues sono l’unica squadra che detteranno per 10 giorni, il doppio titolo di Champions League appunto e quello di Europa League conquistato contro il Benfica proprio ieri per 2-1.

A fine gara, in mixed zone, ha parlato il tecnico degli inglesi, Rafa Benitez che, ancora una volta, dovrà lasciare la panchina dopo aver vinto u trofeo, cosi come successe qualche anno fa all’Inter dopo aver conquistato il titolo di Campione del mondo. Ecco le sue parole: Sono molto contento perché è una competizione difficile. Abbiamo giocato 68 partite in questa stagione e siamo arrivati un po’ stanchi alla gara. Nel primo tempo non siamo stati brillanti e abbiamo sofferto il loro pressing. Ma nella ripresa siamo cresciuti e abbiamo vinto meritatamente lottando fino al termine. È il premio del lavoro fatto. È una notte diversa rispetto a quella dell’addio all’Inter. Là c’era una squadra che aveva vinto tutto e che io pensavo andasse rinforzata, qui siamo in piena transizione, c’è una squadra giovane che ha lottato al fianco dell’allenatore pur sapendo che sarei andato via. Italia? È un paese particolare, in cui il calcio è molto importante, ma adesso penso solo al presente”. Sul suo possibile futuro a Napoli, Benitez risponde cosi: Napoli? E’ una squadra forte, oggi penso solo all’Europa League e al campionato. Mi piace molto l’Italia ma oggi voglio solo esultare con la squadra. Abbiamo fatto tanto lavoro, tante partite e sono molto contento per tutti. E’ difficile lasciare una squadra con così tanta fame e carisma, ma è così”.

Il suo gol ha contribuito a sbloccare la gara ed a renderla ancora più emozionante. Ecco le parole di Fernando Torres: Siamo molto felici, è stata una partita complicata, il Benfica meritava di più forse, nel primo tempo ha giocato sicuramente meglio di noi. Noi l’abbiamo vinta grazie alle nostre qualità individuali. Nell’intervallo Benitez ci ha chiesto di essere più concentrati e intensi, dovevamo entrare in campo in modo diverso. Futuro? Voglio restare qua, ho altri cinque anni di contratto e voglio restare al Chelsea“.

C’è stata un’altra rete, più decisiva di quella messa a segno da Fernando Torres, e cioè quella di Branislav Ivanovic che a fine gara ha commentato cosi: Adesso è il tempo per la festa per celebrare questo trofeo, meritato per questa stagione dopo quello che hanno passato lui e la sua squadra”. Sul gol che ha deciso il match a pochi secondi dal termine, ha detto: Il pensiero è andato subito a Monaco. Vincere due finali in due anni è davvero qualcosa di straordinario, ma questa squadra se lo merita”. Sull’addio di Rafa Benitez: Bisogna essere professionisti in questi casi, bisogna dire arrivederci e ringraziare per questa grande stagione ed ha portato un ottimo trofeo a questa squadra”. L’anno prossimo si può puntare ancora ad essere in finale: Non è tempo di sbilanciarsi su quello che sarà la prossima stagione, sarà lunga”. Su Mourinho: E’ una domanda troppo difficile, ora ci concentriamo sulla festa”.

Voce anche agli sconfitti, che non hanno assolutamente demeritato, anzi dimostrato di voler vincere dal primo minuto ed hanno lottato fino al termine con quell’occasione di Cardozo sprecata proprio sul filo di lana. Ai microfoni ha commentato la gara il tecnico del Benfica, Jorge Jesus: Il Benifica deve essere orgoglioso della finale che ha giocato ed è la squadra che avrebbe meritato la vittoria. Il Chelsea ha giocato in contropiede è stata comunque una bella finale ma resta il dispiacere per la sconfitta”. Sul suo futuro: “Ho già parlato con il presidente Luis Felipe Vieira, naturalmente non mi sento di dire quello che farò (anche se probabilmente lascerà, ndr). Adesso però bisogna concentrarci sull’ultima giornata di campionato”.

Massimiliano di Cesare

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *