Redazione
No Comments

Prandelli: “Bisogna sospendere le partite in caso di razzismo”

In Chiave Nazionale, il Ct chiude le porte a Cassano e valuta Sau e Bonaventura

Prandelli: “Bisogna sospendere le partite in caso di razzismo”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Cesare Prandelli, il CT della Nazionale

Cesare Prandelli, il CT della Nazionale

Il tema razzismo è qualcosa che indigna e colpisce tutti, e non fa eccezione il Commissario Tecnico della nostra Nazionale, Cesare Prandelli. Il Ct, in occasione del premio San Siro Gentlmen, in merito agli episodi avvenuti durante Milan – Roma, ha affermato: E’ stato dato un segnale preciso. Penso che di fronte ai prossimi episodi non ci sarà la sospensione momentanea, ma l’interruzione della gara. Non è un problema di Balotelli ma di credibilità del nostro calcio. Penso che ormai ci sia una linea ben precisa, l’arbitro ha la possibilità di fermare il gioco come ieri e anche la partita. Non bisogna solo indignarsi, ma dire basta a certi modi di andare allo stadio. Uno stadio fatto in un certo modo aiuta tantissimo, come quello della Juventus. Se il tifoso si sente a casa ci pensa due volte prima di fare cose anormali. Tutti siamo responsabili, anche i tifosi devono indignarsi davanti ai cori offensivi”.

…SUL MILAN… – Cesare Prandelli si sofferma poi su Balotelli, il quale dice che non è tutelato abbastanza: Sono convinto che i dirigenti del Milan e Allegri abbiano toccato questo argomento. Mario deve pensare solo a giocare, alla tutela ci penserà la società. Non deve perdere la giusta attenzione e concentrazione, spesso succedono delle cose proprio per far perdere pazienza al grande giocatore. Lui deve essere e bravo a sopportare”. Restando in ottica Milan, il ct non è preoccupato della flessione di El Shaarawy e su un suo possibile approdo sulla panchina rossonera, dice: L’obiettivo è il Mondiale del 2014. Noi abbiamo nella testa la voglia di arrivare prima possibile alla qualificazione Mondiale siamo in una buona posizione, poi l’obiettivo è arrivare a fare il Mondiale”.

…E SULLA NAZIONALE – Si passa poi al discorso Nazionale e sui possibili convocati. Porte quasi definitivamente chiuse per Antonio Cassano da parte di Prandelli:Preferisco valutare altri giocatori in questo momento. Così come per altri giocatori, valuteremo il rendimento e poi prenderemo una decisione”. Si fanno i nomi anche di Marco Sau e Giacomo Bonaventura: “Ci sono dei nomi nuovi, vogliamo formare un gruppo abbastanza numeroso in vista dei prossimi impegni“. Su Di Natale: Di Natale sorprende sempre, ci sorprese quando disse che era il suo ultimo anno. La chiave è sempre nelle motivazioni e non mi sorprenderei se a questo punto della prossima stagione avremo questo dubbio”.

Chiusura sulla figura di allenatore-manager anche in Italia. Ecco il Prandelli pensiero: “Quando un tecnico ottiene certi risultati è perché s’è programmato bene, con persone competenti, e lo stesso allenatore non è l’unico responsabile di quello che si fa. Facendo altre cose il lavoro di un allenatore diventa dispersivo, ma è importante avere un progetto comune, non di un dirigente o di un allenatore”.

Massimiliano di Cesare

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *