Redazione

Final Four Eurolega: miracolo Olympiakos, Spanoulis stende il Real Madrid

Final Four Eurolega: miracolo Olympiakos, Spanoulis stende il Real Madrid
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nella finalissima di Londra la spuntano per il secondo anno consecutivo i Reds di Spanoulis, ancora MVP. Nella finalina di consolazione vittoria in extremis del Cska Mosca di Messina sul Barcellona

La festa dell'Olympiakos

La festa dell’Olympiakos

L’Olympiakos bissa il successo di Istanbul dell’anno scorso vincendo anche le Final Four di Londra contro il Real Madrid di Pablo Laso con il punteggio di 100-88. La truppa di Bartzokas ha condotto l’ennesima prova sublime, fatta di aggressività difensiva e organizzazione corale offensiva, capace di recuperare anche dal -17 del primo tempo. Leader, simbolo della squadra e MVP della finale è ancora lui, Vassilis Spanoulis, che dopo aver chiuso il primo tempo a 0 punti segnati, è stato in grado di rinascere dalle proprie ceneri e di riavvicinare la propria squadra con 3 triple consecutive nella terza frazione.

La compagine greca ha iniziato con Spanoulis, Law, Papanikolaou, Printezis e Powell , a cui il Real ha contrapposto Llull, Rudy Fernandez, Suarez, Mirotic, Begic.
Le merengues con la loro aggressività a tutto campo spiazzano i Reds sorpassando subito con le triple di Fernandez (21) e Mirotic (7), che rispondono aalle iniziative di Printezis (5) e Powell (2), Begic (6) nella metà campo difensiva alza la serranda e con 3 stoppate consecutive smorza i tentativi di rientrare di Spanoulis (22). Dopo 5 minuti di gioco il Real è in totale controllo (5-13), mentre l’Olympiakos è in confusione e ha molta difficoltà a trovare la via del canestro. Rudy e Llull (14) con altre due triple (57/ di squadra nella prima frazione) chiudono il quarto sul 27-10, in una partita del tutto a senso unico . Il secondo quarto si apre con il triplone del neo-entrato Antic (10) che rivitalizza i Reds, che con un parziale di 0-8 chiuso dalla tripla di Perperoglou (10) (ri)entrano in partita. Il Real con le seconde linee fa fatica e i greci rientrano in un batter d’occhio fino a -7. Rientra Spanoulis e la rimonta dei greci si ferma. Slaughter (9) con un grande alley-oop alzato da Reyes (4)  inchioda il +9, Antic in attacco è infrenabile e firma il 28-33 Real. Con 6 punti di seguito di Acie Law (20) l’Olympiakos arriva a -3, ma Slaughter è sempre un fattore sotto il canestro avversario. Sull’ultima azione del primo tempo, Sloukas (11) subisce fallo sul tentativo di tiro da 3 , il 3/3 del play greco sancisce il 37-41 che manda le squadre all’intervallo.
Nella ripresa si sveglia subito Spanoulis con 3 triple consecutive che valgono il sorpasso Olympiakos. Stoppata pazzesca di Kyle Hines (12) su Mirotic involato in contropiede solitario e sul ribaltamento di fronte 2 facili di Law che sancisce il +6 dei greci. Slaughter riduce il gap, Rudy con la tripla sorpassa: +1 real a 4 minuti dalla fine del 3°. Fallo tecnico a Sloukas per simulazione, sergio rodriguez pareggia dalla lunetta (61-61).

La premiazione dell'MVP Spanoulis

La premiazione dell’MVP Spanoulis

Nell’ultima frazione si segna con il contagocce, Perperoglou da fuori e Law dalla lunetta portano avanti i Reds di 5. La grande aggressività difensiva greca costringe Llull all’infrazione di campo, nell’azione successiva Spanoulis dall’arco fissa il +8. Carroll (5) riporta i suoi ad un solo possesso di distanza, ma Perperoglou risponde subito dalla lunga. I ragazzi di Bartzokas hanno già raggiunto il bonus e i blancos cercano di arrivare in area per subire fallo e andare in lunetta. Anche Shermadini (3) si iscrive a referto con un gran gioco da 3 punti su imbeccata di Spanoulis, a 5 dalla fine l’Olympiakos è in controllo. È la volta di Slaughter di essere sanzionato con il tecnico per flopping, i campioni d’Europa volano quindi a +12 nella bolgia della O2 arena completamente rossa. Il contropiede di Papanikolaou porta i reds sul +15. Gli spagnoli sono in crisi e i greci cercano di abbassare il ritmo giocando col cronometro , continuando pero a segnare con Printezis. El Chacho Rodriguez (17) mette a segno 8 punti in fila che riducono il divario, la tripla da 10 metri di Spanoulis però mette la parola “fine” sulla partita e sulla Eurolega 2013/2014.

Francesco Garibaldi 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *