Redazione

Nba, Recap Semifinali Playoff: Male Knicks e Thunder

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Vittorie in trasferta per San Antonio e Miami, affermazioni casalinghe per Memphis e Indiana nella terza ondata di partite. Si accendono i Playoff NBA

GOLDEN STATE WARRIORS- SAN ANTONIO SPURS  92-102 (1-2)   Il terzo atto tra Warriors e Spurs è caratterizzato da una sostanziale parità nel primo quarto, in cui le squadre si equivalgono avendo buoni spunti da Bogut (11) e Parker (32). Nella seconda frazione San Antonio allunga grazie ad un Tony Parker davvero incontenibile per qualsiasi avversario, ma ci pensa il solito Step Curry a riportare i suoi a contatto. Dopo l’intervallo è il turno degli altri veterani Spurs Ginobili (12) e Duncan (23) di trascinare i compagni sul +8. Proprio mentre Golden State cerca di ridurre lo svantaggio, Curry si infortuna alla gamba rimanendo stoicamente in campo. Per GSW anche di 17 di Thompson e 14 di Landry. Questa sera andrà in scena gara 4 sempre ad Oakland, in dubbio i rispettivi playmaker Parker e Curry per infortuni alla caviglia.

Tony Parker, 32 per lui in gara3

Tony Parker, 32 per lui in gara3Per GSW anche di 17 di Thompson e 14 di Landry.

CHICAGO BULLS-MIAMI HEAT 94-104 (1-2)   Miami spazza via Chicago anche in gara3, in una partita giocata ad intensità mostruosa e piena di contatti al limite. Chicago nel primo tempo è viva, Noah (15) e Boozer (21) sono dei fattori sotto le plance, si capisce subito che sarà una partita molto nervosa, in pochi minuti ci sono due accenni di rissa tra Noah e Andersen (5) e tra James (25) e Mohammed (espulso). Belinelli (16) nel marasma generale porta avanti i suoi con due bombe in precario equilibrio, la partita nel secondo tempo si fa veramente combattuta. Miami conduce sempre di 5-6 lunghezze, riuscendo con le triple di Bosh (20), James e Cole (18) ad ingranare la quarta. La gara 4 della Semifinale dei Playoff NBA tra Chicago e Miami si giocherà tra la notte di Lunedì e Martedì (orario italiano).

MEMPHIS GRIZZLIES- OKLAHOMA CITY THUNDER 87-81 (2-1)   Memphis batte in volata Oklahoma City portandosi avanti nella serie. Nel primo quarto le squadre si equivalgono , ci sono molti errori sia dall’una che dall’altra parte. Nella seconda frazione Memphis prova a scappare ma Durant (25) non ci sta e tiene vivi i Thunder da solo. L’allungo della truppa di Hollins è ritardato a dopo l’intervallo quando grazie agli isolamenti per Marc Gasol (20), lo spagnolo riesce ad approfittare della superiorità tecnica contro i lunghi avversari. Ibaka (13) e Jackson (16) tengono i Thunder in linea di galleggiamento. A due minuti dalla sirena finale la situazione è 81-81 : Gasol infila due liberi, Durant sbaglia e la girandola di tiri dalla linea della carità premia i Grizzlies, che hanno anche 14 da Conley e Allen , ma solo 8 da Randolph.

INDIANA PACERS- NEW YORK KNICKS 82-71 (2-1)     Si rivede Amare Stoudemire in gara 3 alla Conseco Fieldhouse di Indianapolis, il lungo di Woodson è subito un fattore grazie agli assist al bacio di Prigioni. Paul George (14) è però fenomenale e permette ai Pacers di andare all’intervallo lungo sul +8. Indiana è in controlo totale del ritmo partita e riesce ad allungare grazie a due triple consecutive di Stephenson (8). Stoudemire con la tripla sulla sirena della penultima frazione pporta i suoi sul -11. Nel quarto quarto Hibbert (24) si scatena con la sua verva sotto canestro mandando i titoli di coda.

HIbbert, un fattore per Indiana

Hibbert, un fattore per Indiana

New York ha 21 da Carmelo Anthony (unico in doppia cifra), 9 da Chandler e Smith, Indiana 17 di Hill.

 

 

Francesco Garibaldi

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *