Vincenzo Galdieri

Inter, al peggio non c’è mai fine: col Genoa in panchina ci va la Primavera

Inter, al peggio non c’è mai fine: col Genoa in panchina ci va la Primavera
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il cataclisma nerazzurro continua: Strama per domani ha 9 titolari a disposizione

stramaccioni_pensa Al peggio non c’è mai fine. Starà pensando questo Andrea Stramaccioni, protagonista suo malgrado di una stagione surreale alla guida dell’Inter. Fino a novembre andava tutto a meraviglia, le vittorie contro Milan e Juventus come chicche ed il sogno Scudetto che si faceva sempre più strada. Poi, pian piano è crollato tutto. Sicuramente sia il mister che i suoi ragazzi avranno fatto degli errori, ma gli alibi in questa annata maledetta sono tanti, troppi. Oggettiva sfortuna con le direzioni arbitrali, partite perse con rimonte impossibili, altre vinte con rimonte epiche ma insufficienti (si legga alla voce Inter-Tottenham). Insomma, di tutto e di più. Ma il vero cruccio dell’annus horribilis nerazzurro sono stati indubbiamente gli infortuni. Che hanno colpito praticamente l’intera rosa: da Guarin a Palacio, da Milito a Zanetti non è stato risparmiato proprio nessuno, Handanovic compreso. Adesso, a due giornate dal termine di questo bad year, si sta raggiungendo il picco massimo: Strama, nella gara di domani col Genoa, avrà forse a disposizione più giovani della primavera che effettivi della rosa iniziale. Pazzesco.

FACCIAMO LA CONTA? – Insomma, la situazione nerazzurra in questo finale di stagione oscilla tra il grottesco e il tragicomico, sportivamente parlando. La lista degli infortunati ad oggi è questa, in ordine di ruolo: Castellazzi; Jonathan, Silvestre, Samuel, Mbaye, Javier Zanetti; Stankovic, Gargano, Obi; Milito, Palacio. Basta cosi? Macchè. Ranocchia, Nagatomo e Cassano sono in dubbio, probabilmente non parteciperanno alla trasferta in Liguria. In più ci sono pure un paio di squalificati: Juan Jesus ed Alvaro Pereira. Stramaccioni avrà a piena disposizione questi uomini: Handanovic, Chivu, Cambiasso, Kuzmanovic, Kovacic, Schelotto, Guarin, Alvarez e Rocchi. Per la serie: “Abbiamo fatto la conta, non arriviamo nemmeno a dieci per fare cinque contro cinque. Annulliamo la prenotazione del campo e rimandiamo a settimana prossima?“. Eh no, in Serie A non si può fare. Bisogna giocare, ed ecco che vengono in aiuto i vari Benassi, Forte, Pasa, Garritano e chi più ne ha più ne metta. Saranno questi giovanotti a completare la lista dei convocati – assieme a Belec e Carrizo, perchè ormai c’è più abbondanza in porta che negli altri ruoli – ed alcuni di loro dovranno anche scendere in campo da titolari. Una bellissima e meritata occasione per dei ragazzi dal futuro roseo. Ma Stramaccioni, probabilmente, avrebbe preferito concedergli quest’opportunità di sua sponte senza essere costretto.

Vincenzo Galdieri 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *