Enrico Steidler

Premier League, 37.ma giornata: tutte le partite e le probabili formazioni

Premier League, 37.ma giornata: tutte le partite e le probabili formazioni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
David Moyes (Everton), futuro tecnico dei Devils campioni d'Inghilterra

David Moyes (Everton), futuro tecnico dei Devils campioni d’Inghilterra

Testa-coda mozzafiato nella penultima giornata del massimo campionato inglese: l’Arsenal quarto in classifica ospita il quasi spacciato (ma non rassegnato) Wigan di Roberto Martinez, il Chelsea fa visita ai redivivi ma pericolanti Villans del bomber Benteke e il Tottenham si gioca tutto sul campo dello Stoke. I campioni d’Inghilterra del Manchester United attendono i gallesi dello Swansea per la passerella trionfale di fronte al loro pubblico nel giorno del saluto a Sir Alex Ferguson, mentre i cugini del City sono impegnati in trasferta contro il già retrocesso Reading. Match ad altissima tensione fra i Black cats del Sunderland e il Southampton – separati da un solo punto nelle retrovie – e a Carrow Road fra i padroni di casa del Norwich e il West Bromwich di Steve Clarke. Molto alta la posta in palio, per il Newcastle, sul campo del QPR. Everton-West Ham e Fulham-Liverpool chiudono il programma della penultima giornata di Premier League.

PARTITE E PROBABILI FORMAZIONI

Aston Villa-Chelsea (arbitro Lee Mason): fra le squadre impegnate nella rincorsa alla Champions League il Chelsea è quella attesa dal compito meno agevole. I Villans vengono da due vittorie consecutive (contro Sunderland e Norwich) e possono contare su un Christian Benteke in stato di grazia. La classifica – 40 punti – non consente distrazioni (anche in considerazione della prossima trasferta sul campo del Wigan) e gli uomini di Lambert daranno quindi battaglia per strappare almeno un punto ai lanciatissimi (14 punti nelle ultime 6 gare) Blues dell’Interim One Rafa Benitez.

Aston Villa (4-5-1): Guzan, Lowton, Vlaar, Baker, Bennett, Delph, Westwood, Sylla, Agbonlahor, Weimann, Benteke. All. Paul Lambert

Chelsea (4-2-3-1): Cech, Azpilicueta, Ivanovic, Terry, Cole, Lampard, Ramires, Moses, Mata, Oscar, Demba Ba. All. Rafa Benitez

Stoke City-Tottenham (arbitro Kevin Friend): gli Spurs sono quinti a quota 66 (a tre lunghezze dal Chelsea) e dopo il punto racimolato allo Stamford Bridge nel recupero di mercoledì scorso sono obbligati a fare bottino pieno nelle prossime due gare. Espugnare il Britannia Stadium, quindi, è un must, un imperativo categorico: ma tra il dire e il fare, in questa delicata circostanza, c’è di mezzo lo Stoke, una squadra in ripresa (dopo due mesi da incubo) e fortemente determinata a congedarsi dal suo pubblico nel modo migliore.

Stoke City (4-5-1): Begovic, Cameron, Shawcross, Huth, Shotton, Adam, N’Zonzi, Whitehead, Walters, Jerome, Crouch. All Tony Pulis

Tottenham (4-2-3-1): Lloris, Walker, Dawson, Vertonghen, Assou-Ekotto, Parker, Dembélé, Lennon, Bale, Sigurdsson, Adebayor. All. André Villas-Boas

Norwich-West Bromwich (arbitro Howard Webb): designato il miglior fischietto inglese per la sfida di Carrow Road fra i pericolanti Canaries (che disputeranno in trasferta contro il City l’ultima partita di campionato) e l’appagato West Bromwich di Steve Clarke. Entrambe le squadre sono reduci da due sconfitte consecutive e l’esito del match, malgrado le motivazioni a mille dei padroni di casa e l’apparente noncuranza degli ospiti, è tutt’altro che scontato: Hughton pensa al finale di Wigan-Swansea (2-3) di martedì scorso e carica i suoi facendo gli scongiuri del caso.

Norwich (4-4-2): Bunn, Martin, Bassong, Bennett, Garrido, Howson, Johnson, Snodgrass, Pilkington, Hoolahan, Holt. All. Chris Hughton

West Bromwich (3-2-3-2): Foster, Dawson, McAuley, Olsson, Mulumbu, Yacob, Jones, Morrison, Ridgewell, Lukaku, Lone. All. Steve Clarke

Sunderland-Southampton (arbitro Mike Dean): “Mi sa che sarò costretto a tenere i miei sulle spine”. Paolo Di Canio teme cali di tensione nel match più importante della stagione e, soprattutto, si adopera per fare di necessità virtù: con Gardner e Sessegnon squalificati e l’infermeria mezza piena (Cattermole, Wickam e il bomber Steven Fletcher) il tecnico romano affronta in piena emergenza l’insidioso (e tutt’altro che tranquillo) Southampton del più prolifico attaccante inglese (Rickie Lambert). Dopo il pareggio in inferiorità numerica agguantato faticosamente contro lo Stoke e con la prospettiva della proibitiva trasferta del White Hart Lane nell’ultima di campionato, i Black cats non possono fare calcoli e sono obbligati a vincere, ma contro una squadra a ranghi quasi completi e super-motivata le chance appaiono abbastanza ristrette.

Sunderland (4-2-3-1): Mignolet, Bardsley, O’Shea, Cuéllar, Rose, N’Diaye, Vaughan, Johnson, Larsson, McClean, Graham. All. Paolo Di Canio

Southampton (4-5-1): Clyne, Yoshida, Hooiveld, Shaw, Schneiderlin, Davis, Cork, Lallana, Rodriguez. Lambert. All. Mauricio Pochettino

QPR-Newcastle (arbitro Lee Probert): alla disperata ricerca di punti anche il boccheggiante Newcastle di Alan Pardew. Le Magpies devono conquistare la salvezza al Loftus Road se non vogliono vivere una settimana da incubo: la prossima, infatti, sarà in casa contro l’Arsenal, e difficilmente i Gunners (in piena corsa per accedere alla Champions) se ne andranno dal St. James’ Park senza averlo messo a ferro e fuoco. L’impresa non è impossibile, ma il QPR, pur già retrocesso, ci tiene a salutare la Premier con una vittoria: “Non vogliamo fare sconti a nessuno” promette Redknapp, e c’è da credergli.

QPR (4-4-2): Green, Fábio, Onuoha, Hill, Traore, Jenas, Granero, Townsend, Hoilett, Rémy, Zamora. All. Harry Redknapp

Newcastle (4-4-2): Elliot, Debuchy, Coloccini, Taylor, Yanga-Mbiwa, Cabaye, Tioté, Ben Arfa, Gutiérrez, Cissé, Gouffran. All. Alan Pardew

Everton-West Ham (arbitro Mike Jones): dopo undici anni alla guida dei Toffees, lo scozzese David Moyes saluta il suo pubblico (la panchina dei Devils la sua prossima destinazione) e la partita contro gli Hammers è l’occasione migliore per un congedo col botto. I londinesi, infatti, non hanno più nulla da chiedere a questo campionato e difficilmente rovineranno la festa dei padroni di casa, fortemente determinati, oltretutto, a chiudere il torneo davanti ai cugini del Liverpool.

Everton (4-4-2): Howard, Coleman, Jagielka, Distin, Baines, Gibson, Osman, Mirallas, Pienaar, Fellaini, Anichebe. All. David Moyes

West Ham (4-2-3-1): Jaaskelainen, Demel, Collins, Reid, O’Brien, Noble, Diamé, Jarvis, Nolan, Vaz Te, Carroll. All. Sam Allardyce

Fulham-Liverpool (arbitro Mark Halsey): tutto facile, sulla carta, per i Reds: il Fulham è in caduta libera (4 sconfitte consecutive, solo 1 punto nelle ultime 6 gare) e l’ipotesi di espugnare il Craven Cottage è concreta. Anche Brendan Rodgers, tuttavia, ha i suoi problemi (Gerrard e Agger indisponibili, Suarez squalificato), e l’orgoglio dei padroni di casa (dove militano vecchie conoscenze come Riise, Karagounis ed Emanuelson) potrebbe ingigantirli: i Cottagers non hanno la salvezza in tasca e daranno il tutto per tutto.

Fulham (4-4-2): Schwarzer, Riether, Senderos, Hangeland, Riise, Karagounis, Enoh, Kacaniklic, Emanuelson, Ruiz. All. Martin Jol

Liverpool: (5-4-1) Reina, Johnson, Carragher, Skrtel, José Enrique, Henderson, Lucas Leiva, Shelvey, Downing, Coutinho, Sturridge. All. Brendan Rodgers

Manchester United-Swansea (arbitro Jon Moss): lo Swansea è stato protagonista di un’ottima stagione e le possibilità che giochi alla morte nel giorno del commiato dal suo pubblico del mitico Sir Alex Ferguson (27 anni alla guida dei Devils, 38 i trofei messi in bacheca) sono ridotte al lumicino. Sarà quindi con ogni probabilità una passerella trionfale per i campioni d’Inghilterra, desiderosi, fra l’altro, di vendicare subito lo scivolone contro il Chelsea del “commediante” David Luiz.

Manchester United (4-4-2): De Gea, Jones, Ferdinand, Vidic, Evra, Carrick, Scholes, Valencia, Kagawa, van Persie, Hernandez. All. Alex Ferguson

Swansea (4-2-3-1):Tremmel, Rangel, Williams, Monk, Davies, Britton, De Guzman, Routledge, Pablo, Dyer, Shechter. All. Michael Laudrup

Arsenal-Wigan (arbitro Mike Dean): di scena all’Emirates Stadium di Londra il match più ricco di pathos della penultima giornata di Premier League: i Gunners sono a un soffio dall’obiettivo (il punto di vantaggio sugli Spurs potrebbe essere decisivo) e il Wigan è a un passo dalla retrocessione. Considerando l’evidente disparità di valori fra le due squadre non dovrebbe esserci storia, ma gli uomini di Roberto Martinez sono all’ultima spiaggia e sono abituati ai miracoli last minute.

Arsenal (4-2-3-1): Szczesny, Sagna, Mertesacker, Koscielny, Gibbs, Arteta, Ramsey, Walcott, Rosicky, Cazorla, Podolski. All. Arsene Wenger

Wigan (3-1-3-3): Robles; Boyce, Scharner, Stam; McCarthy; Beausejour, Gomez, McArthur; McManaman, Koné, Maloney. All. Roberto Martinez

Reading-Manchester City (arbitro Martin Atkinson): il Reading penultimo in classifica e già retrocesso in Championship cerca la vittoria di prestigio nell’ultima apparizione di fronte al suo pubblico, ma il City è uno squadrone abituato a prendere sul serio tutti gli impegni. Le chance dei Royals sono oggettivamente scarse, ma la voglia di guadagnarsi un po’ di gloria prima di scivolare fra i cadetti è davvero grande. Tutto sommato, il pareggio è il risultato più probabile.

Reading (4-4-1-1): Federici, Gunter, Morrison, Mariappa, Kelly, Guthrie, Akpan, Karacan, Blackman, McAnuff, Pogrebnyak. All. Nigel Adkins

Manchester City (4-2-3-1): Hart, Zabaleta, Kompany, Nastasic, Kolarov, Barry, Garcia; Nasri, Y. Tourè, Silva, Tévez. All. Roberto Mancini

PREMIER LEAGUE, 37.ma GIORNATA

Sabato 11 maggio (ore 13.45)

Aston Villa-Chelsea

Domenica 12 maggio (ore 16)

Stoke City-Tottenham (ore 13.45)
Everton-West Ham
Fulham-Liverpool
Norwich-West Bromwich
QPR-Newcastle
Sunderland-Southampton
Manchester United-Swansea (ore 17)

Martedì 14 maggio

Arsenal-Wigan (ore 20.45)
Reading-Manchester City (ore 21)

CLASSIFICA

Manchester United 85, Manchester City 75, Chelsea 69, Arsenal 67, Tottenham 66, Everton 60, Liverpool 55, West Bromwich 48, Swansea 46, West Ham 43, Stoke 41, Fulham 40, Aston Villa 40, Southampton 39, Sunderland 38, Norwich 38, Newcastle 38, Wigan 35, Reading 28, QPR 25.

PROSSIMO E ULTIMO TURNO

Chelsea-Everton, Liverpool-Queens Park Rangers, Manchester City-Norwich, Newcastle-Arsenal, Southampton-Stoke City, Swansea-Fulham, Tottenham-Sunderland, West Bromwich-Manchester United, West Ham-Reading, Wigan-Aston Villa

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *