Redazione
No Comments

Nba: Miami asfalta Chicago, riscatto Knicks. Recap gare 2 semifinali di Conference

Tutte le serie in parità : vittoria esterna per i Warriors e affermazione casalinga per gli Heat

Nba: Miami asfalta Chicago, riscatto Knicks. Recap gare 2 semifinali di Conference
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

OKLAHOMA CITY THUNDER – MEMPHIS GRIZZLIES 93-99 (1-1)   i Grizzlies, beffati nelle ultime battute di gara 1, partono subito forte, ma Durant con il buzzer beater del primo quarto permette ai suoi di rimanere a contatto. Nella seconda frazione si mettono in evidenza Conley (26+10+9, tripla doppia sfiorata) e Randolph (15) , mentre dall’altra parte KD (36 alla fine) è come al solito immarcabile e tiene vivi da solo i suoi Thunder. L’equilibrio si rompe a pochi minuti dalla fine quando Conley sale in cattedra improvvisamente e infila due jumper consecutivi che mandano i titoli di coda e permettono alla franchigia del Tennessee di tornare al FedExForum sulla parità.

Per Memphis 24 di Marc Gasol e per OKC 19 di Fisher e 11 di Ibaka, in una partita in cui è mancato totalmente l’apporto del secondo miglior realizzatore attuale della squadra (Martin solo 6 punti).

Nba, Mike Conley e Tony Allen di Memphis

Mike Conley e Tony Allen di Memphis

NEW YORK KNICKS- INDIANA PACERS 105-79  (1-1)   già dalle prime battute si capisce Indiana non è la stessa squadra di gara 1, al contrario NY aggredisce la partita portandosi con rapidità sul +10 grazie a Anthony (32) e Shumpert (15). Nel terzo quarto, però, i Pacers con un moto d’orgoglio rientrano mettendo addirittura la testa avanti con la tripla di Stephenson (9). Melo Anthony però non ne vuole assolutamente sapere e riporta avanti i suoi con le sue giocate da campione. Indiana non segna più e i Knicks si ritrovano in un amen sull’ 88-67 che permette alla squadra di Woodson di amministrare con tranquillità il vantaggio e di iniziare già a pensare a gara 3 di stanotte alla Conseco Fieldhouse di Indianapolis.

Per New York anche 14 di Felton, top scorer di Indiana invece è George (20) seguito da West (13).

MIAMI HEAT- CHICAGO BULLS  115-78 (1-1)   gli Heat, con LeBron James (19) in particolare, partono indemoniati, travolgendo già dai primi minuti i Bulls, ancora increduli dello scippo di gara 1. Match molto nervoso nel primo quarto, già nella prima azione infatti viene fischiato un flagrant foul a Belinelli (13, top scorer) su Wade (15) lanciato in contropiede. Miami dal 55-41 di fine seconda frazione con un break di 15-5 all’inizio di terzo periodo dilaga fino al +37 finale, non trovando particolare opposizione da Chicago, dove si fanno sepre più insistenti le voci di una convocazione nelle prossime partite della serie per il lungodegente leader della squadra Derrick Rose. Per gara 3 i Bulls probabilmente non avranno Taj Gibson (8), espulso per proteste nel finale.

Oltre alla buona prestazione della guardia italiana ex-Fortitudo Bologna, da segnalare i 13 di Noach per Chicago, mentre Miami manda in doppia cifra anche Allen (21), Cole (18) e Bosh (13).

Nba, Klay Thompson , 8/9 da 3 per lui

Klay Thompson , 8/9 da 3 per lui

SAN ANTONIO SPURS- GOLDEN STATE WARRIORS 91-100 (1-1)   dopo la maratona infernale di gara 1 , risolta dopo ben 2 supplementari, il secondo atto dell’ AT&T Center inizia su un equilibrio di parità nella prima frazione. La gara si accende nel 2° periodo quando Klay Thompson (34 con 8/9 da 3) scava il solco con 4 triple consecutive permettendo alla franchigia di Oakland di allungare. Gli Spurs dopo l’intervallo rientrano grazie a Neal e Ginobili (13), ma ancora Thompson con il tiro sulla sirena del terzo quarto ristabilisce il +10 Golden State. Curry (22) è ancora un fattore e sono vani i tentativi di rimonta di San Antonio con Duncan (23) e Parker (20). Ancora poco spazio per McGrady, che appare ancora in non perfette condizioni fisiche, mentre Golden State si gode un gruppo coeso e collaudato che cercherà di continuare a dire la sua in questa post-season a partire da gara 3 in programma ad Oakland domani notte.

Francesco Garibaldi

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *