Vincenzo Galdieri

Le pagelle di Atalanta-Juventus 0-1: Pirlo classe pura, Matri sicurezza

Le pagelle di Atalanta-Juventus 0-1: Pirlo classe pura, Matri sicurezza
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Matri Ottima prova dei Campioni d’Italia, che vincono 1-0 a Bergamo e continuano a correre verso il grande record. Decide la gara Matri. Ecco le pagelle del match:

ATALANTA 

CONSIGLI 6 – Nessuna colpa sul gol, buona reattività per il resto.

SCALONI 6,5 – Rigenerato completamente in quel di Bergamo: prova attenta e propositiva.

STENDARDO 5,5 – Incerto, imballato, non in partita. Matri e Quagliarella gli sfuggono come il topo col gatto.

CANINI 5 – Fuori posizione quasi sempre, si rivela di fatto l’anello debole della difesa bergamasca.

RAIMONDI sv – Esce praticamente subito. Dal 7′ GIORGI 5,5 –  Il De Ceglie di ieri era difficile da controbattere.

CIGARINI 6 – Classe, intelligenza ed intensità. Prova di livello, anche se poi si perde nell’ultimo passaggio.

CARMONA 5,5 – Lavora sottotraccia, tira qualche volta, ma non riesce quasi mai a prevalere nei duelli coi bianconeri. Dal 69′ MORALEZ 5 – Messo dentro per far cambiare passo alla squadra, risulta inconsistente e confusionario.

BIONDINI 5,5 – Frangiflutti difensivo un po’ intermittente, alterna buone cose a momenti di pura pausa.

BONAVENTURA 5 – Inizia che sembra debba spaccare il mondo, poi per 3\4 di partita quasi gioca a nascondino.

DEL GROSSO 5,5 – Caparbio, concreto, ma non sfodera mai nessuno squillo sulla fascia di competenza. Dal 79′ PARRA sv

DENIS 5 – Chiellini lo tiene d’occhio bene, non sfrutta le poche pseudoamnesie del più svagato Caceres.

All. COLANTUONO 5 – Squadra molle e tatticamente non ben schierata. Ma quel che conta è che è arrivata la meritata salvezza.

JUVENTUS 

STORARI 6,5 – Sicuro e tranquillo, para quello che c’è da parare. Vice deluxe.

CHIELLINI 6,5 – Respinge al mittente ogni possibile affondo avversario. Fa da “chioccia” ai compagni meno utilizzati.

MARRONE 6 – Elegante, tecnico. Ma continua ad essere evidente che quello di difensore non è il suo ruolo.

CACERES 5,5 – Un po’ svagato in certi frangenti, per sua fortuna non ne approfitta nessuno.

PADOIN 6 – Il solito. Diligente e dinamico, sempre al servizio della squadra. Conte si fida tantissimo di lui. Dal 72′ VIDAL 6,5 – Si limita a fare cose normali, per una volta. Ma per poco ci scappa il sedicesimo gol: Consigli respinge bene.

GIACCHERINI 6 – Volenteroso ed impreciso. Si divora un paio di gol.

PIRLO 7 – Classe allo stato puro. Assist splendido per Matri, dirige il traffico con la consueta calma olimpica e dà sicurezza ai compagni “non titolari” – perchè parlare di riserve in questa Juventus non sarebbe esatto -, aiutandoli soltanto con la presenza. Genio e regolatezza.

ISLA 5,5 – Per correre corre, per metterci buona volontà ce la mette pure. Ma non fa la differenza nemmeno stavolta: tornerà ai suoi livelli?

DE CEGLIE 6,5 – Cavallo di razza, sulla fascia imperversa che è un piacere. Quando gioca cosi ti verrebbe voglia di metterlo titolare sempre, il peccato – ed il grande cruccio della sua carriera – è che è troppo incostante. Dal 76′ PELUSO sv

MATRI 7 (IL MIGLIORE) – Gran bel gol, ottime sponde, lavora di squadra e si toglie soddisfazioni personali. Elemento importantissimo, checchè se ne dica.

QUAGLIARELLA 6,5 – Si sbatte e suda, un leone vero. Crea spazi per gli inserimenti dei compagni, offre alcuni begli assist che però non vengono sfruttati. Conte ha disciplinato anche questo funambolo qua, che se trova continuità di gioco e rendimento è sicuramente uno dei migliori attaccanti italiani in assoluto.  Dal 72′ ANELKA 6 – Lavora bene e prova a trovare la via del gol.

All. CONTE 7 – Nona vittoria consecutiva, non fa abbassare la guardia ai suoi nemmeno dopo aver vinto il campionato. Fa giocare chi ha avuto meno spazio durante la stagione, e rispondono tutti bene sotto il profilo dell’impegno e quasi tutti bene sotto quello della prestazione complessiva. Bravissimo anche a calmare i suoi tifosi quando gli animi si surriscaldano. Un re in tutto e per tutto: sotto a chi tocca, il record è vicino.

Vincenzo Galdieri 

 

 

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *