Redazione

Incentivi, rimpatrio dei cervelli in fuga

Incentivi, rimpatrio dei cervelli in fuga
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

ROMA, 7 MAGGIO – L’ Agenzia delle entrate ha reso pubblica una circolare nella quale sono stati stilati i criteri per beneficiare degli incentivi riservati a tutti coloro che hanno maturato esperienze lavorative all’estero.

Il documento infatti, mira ad un vero e proprio rimpatrio dei cervelli, garantendo a laureati e ricercatori, attualmente all’estero, la possibilità dello sconto fiscale nel caso in cui questi vengano assunti o avviino un’attività d’impresa o di lavoro in Italia. I beneficiari degli incentivi saranno tutti i cittadini dell’ Unione Europea, nati dopo il 1 Gennaio 1969,  che avranno soddisfatto i requisiti necessari ad aggiudicarsi “gli aiuti”.

Inoltre potrà essere considerato motivo di beneficio anche il trasferimento della residenza e domicilio in Italia purchè avvenga nei tre mesi che ne precedano l’assunzione o l’inizio dell’attività. Tutti i lavoratori che avranno fatto richiesta per la domanda dell’agevolazione dovranno essere in grado di dimostrare l’effettivo lavoro svolto all’estero.

Iris Angiulli 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *