Redazione

Matthew Goss vince la terza tappa. Chiusa la tre giorni danese del Giro d’Italia: Taylor Phinney maglia rosa

Matthew Goss vince la terza tappa. Chiusa la tre giorni danese del Giro d’Italia: Taylor Phinney maglia rosa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Caduta in volata, coinvolto Cavendish

Horsens, 7 maggioMatthew Goss del team Orica è il vincitore della terza tappa del Giro d’Italia che chiude la tre giorni danese. Domani il giorno di riposo per il trasferimento della carovana a Verona, per la crono a squadra di mercoledì. Dopo il secondo posto di ieri, l’australiano vince facile senza Mark Cavendish, vittima di una caduta a pochi metri dal traguardo, provocata da una manovra azzardata dell’italiano Roberto Ferrari, punito dalla giuria di gara con l’arretramento all’ultima posizione per scorrettezza in volata.

La spettacolare cadutaDeterminante la spettacolare caduta a duecento metri dall’arrivo. Roberto Ferrari d’improvviso scatta sulla destra a smarcarsi della ruota dell’americano Farrar, terzo in quel momento. Nella virata l’italiano non si accorge di Mark Cavendish in rimonta da dietro, e lo travolge. Cavendish a terra, con le bici che lo sfiorano a 60 km/h e Favilli che in salto gli passa sopra senza colpirlo. Mark Cavendish taglierà il traguardo a piedi, bici in spalla. Coinvolto nella caduta anche Taylor Phinney, che conserverà la maglia rosa grazie all’azzeramento del tempo che scatta all’arrivo di tappe con un finale ad alto rischio di cadute come quella di oggi.

Ancora Balloni in fuga – Subito in fuga sei ciclisti, tra questi anche l’italiano Balloni a difendere la maglia del GPM sulla salita odierna del monte Ejer Bavnehøj a ben 147 metri sul livello del mare. Balloni passerà per primo sul GPM guadagnando altri tre punti per la classifica speciale della montagna. Niente cambiamenti in classifica generale. Taylor Phinney conserva la maglia rosa. La corsa mercoledì arriverà in Italia. Da Verona una crono a squadra introdurrà la carovana sulle strade italiane e il Giro si farà sempre più caldo.

a cura di Francesco Di Santi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *