Redazione
No Comments

Lega Pro, il punto sui campionati di Prima e Seconda Divisione

Lega Pro, il punto sui campionati di Prima e Seconda Divisione
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Zigoni attaccante dell'Avellino

Gianmarco Zigoni attaccante dell’Avellino

PENULTIMA GIORNATA DEI CAMPIONATI DI LEGA PRO – I campionati di Prima e Seconda Divisione della Lega Pro si avviano verso la conclusione mancando solamente ormai una giornata al termine della fase regolare. Nel penultimo turno, andato in scena nel fine settimana appena trascorso, si sono registrate le promozioni dell’Avellino in serie B e del Savona e del Pontedera in Prima Divisione. Per il resto ancora tante situazioni da decifrare che renderanno decisamente interessante ed avvincente l’ultimo turno che si disputerà tra pochi giorni. Vediamo il riassunto di quanto successo Domenica scorsa.

PRIMA DIVISIONE – Emozioni a non finire nel duello tra Trapani e Lecce che dovrà designare la formazione promossa direttamente in serie B. Dopo soli 8 minuti infatti i pugliesi erano sotto per 2-0 in casa contro il Carpi con i siciliani che, dopo pochi minuti, passavano in vantaggio sulla Reggiana con Pagliaruolo. Poteva rappresentare la svolta per la promozione degli uomini di Boscaglia ma la rimonta della Reggiana, che ribaltava il risultato sul campo del Trapani, e la rete di Chevanton, su rigore allo scadere della prima frazione, rimettevano tutto in discussione. I pareggi di Abate per il Trapani e dello stesso Chevanton per il Lecce hanno lasciato tutto come prima con le due contendenti appaiate in vetta alla classifica. Tutto rimandato a Domenica prossima con il Trapani di scena a Cremona e il Lecce sul campo dell’Albinoleffe per un arrivo al fotofinish che in caso di parità premierebbe i siciliani. Tutto deciso in zona playoff che vedranno coinvolte una fra Trapani e Lecce, il Carpi, la Virtus Entella e il Sudtirol mentre è ancora bagarre in coda dove il Treviso con il successo per 3-0 sul Feralpisalo si è portato a 2 sole lunghezze dalla Tritium che ha pareggiato in casa 1-1 con il Lumezzane. Una delle due retrocederà in Seconda Divisione mentre l’altra disputerà i playout con la Reggiana e due tra Portogruaro, Como e Cuneo con i piemontesi favoriti nella corsa alla salvezza in quanto in vantaggio negli scontri diretti con i lombardi e di un punto in classifica con i veneti. Nel girone B si registra la promozione dell’Avellino che festeggia il ritorno tra i cadetti con la vittoria per 1-0 colta sul campo del Catanzaro. Decisiva una rete di Zigoni ad un quarto d’ora dal termine per rendere incolmabile il vantaggio di 5 punti da parte del Perugia che prenderà parte agli spareggi di fine stagione insieme a Nocerina, Latina e Pisa. Come nel girone A la situazione nella parte bassa della classifica è ancora apertissima con il Sorrento che ha espugnato il campo del Frosinone con il punteggio di 4-2 ed ha raggiunto in ultima posizione la Carrarese, superata dalla Nocerina per 3-0. Anche in questo caso sarà decisivo l’ultimo turno per decretare la compagine che scenderà direttamente in Seconda Divisione con i toscani favoriti dagli scontri diretti in caso di arrivo a parità di punti. Già certi di prendere parte agli spareggi il Barletta e l’Andria la quarta squadra uscirà fuori dal duello tutto toscano tra Viareggio e Prato, appaiate in classifica e con questi ultimi favoriti dall’esito dei confronti con i bianconeri in caso di arrivo a braccetto.

SECONDA DIVISIONE – Il girone A registra la promozione del Savona in Prima Divisione avvenuta grazie al successo per 3-1 contro il Valle d’Aosta. Nonostante il vantaggio segnato da De Vincenziis dopo soli 8 minuti i liguri non si sono scomposti ed hanno ribaltato il punteggio già entro la metà del primo tempo grazie alla doppietta di Demartis e al centro di Mannoni. Il resto della partita non ha riservato grandi emozioni fino al fischio finale che ha decretato il ritorno dei biancoblu nella vecchia serie C1 dopo molti anni di assenza. In zona promozione spreca una grande occasione la Pro Patria che si fa superare in casa dal Monza ridotto in 9 uomini e deve rimandare la salita nella categoria superiore all’ultimo turno quando sarà di scena contro il già retrocesso Casale con la necessità di raccogliere solamente un punto. In zona playoff l’incertezza regna sovrana con sei formazioni racchiuse in 5 punti a contendersi i quattro posti disponibili. In coda già retrocesse Milazzo e Casale e già ai playout il Rimini l’altra retrocessa e la seconda formazione che disputerà gli spareggi uscirà fuori dalla lotta tra Valle d’Aosta e Fano con i primi favoriti per il punto di vantaggio in classifica e per la miglior situazione negli scontri diretti. Nel girone B il Pontedera va a far compagnia alla Salernitana, promossa da tempo in Prima Divisione, e sale con merito nella categoria superiore grazie al successo per 4-1 ottenuto davanti ai propri tifosi contro il Martina Franca. Gli ospiti hanno resistito un tempo, chiuso in parità per le reti di Arrighini per i toscani e Anaclerio per i pugliesi ma nella ripresa le marcature di Grassi, Vettori e Gregorio hanno dato il via ai festeggiamenti per la promozione del Pontedera in Prima Divisione. Alle spalle delle battistrada impazza la lotta per un posto nei playoff che vedranno sicuramente protagonista l’Aprilia mentre gli altri tre posti se li contendono Chieti, l’Aquila, Poggibonsi e Teramo, tutte racchiuse nello spazio di 3 lunghezze. In coda, da tempo fuori dai giochi Fondi e Aversa Normanna, si complica la posizione del Gavorrano che attualmente sarebbe la terza formazione retrocessa ma che può sperare in una miracolosa salvezza avendo l’Hinterreggio solamente un punto avanti e Foligno e Vigor Lamezia con 3 lunghezze di vantaggio. Oltre a queste formazioni la lotta per evitare i playout vede anche coinvolte Martina Franca, Melfi, Arzanese e Borgo a Buggiano che guardano dall’alto le altre contendenti ma non possono comunque considerarsi ancora al sicuro. In sostanza otto squadre ancora in lotta per quella che sicuramente è la situazione più incerta dei 4 gironi di Lega Pro.

Mauro Leone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *