Sebastian Mongelli
No Comments

Le pagelle di Lazio-Bologna 6-0: magia di Hernanes, Klose da urlo

Klose come un carro armato ed Hernanes come un cecchino per una Lazio da guerra

Le pagelle di Lazio-Bologna 6-0: magia di Hernanes, Klose da urlo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Una super Lazio distrugge i poveri uomini mandati in campo da Pioli che hanno dovuto assistere al passaggio di un carro armato vero e proprio dal nome Miroslav Klose accompagnato dal suo fedele cecchino Hernanes. Ecco le pagelle di Lazio e Bologna.

LAZIO

MARCHETTI 6,5 – Il portierone biancoceleste viene chiamato in causa solo in un paio di volte con interventi non troppo impegnativi. Compie un miracolo su Gilardino anche se l’arbitro ferma tutto per fuorigioco dell’attaccante rossoblù.

KONKO 6,5 – Buona prestazione del francese che sembra essere sulla buona strada per ritrovare la forma ottimale necessaria per questo rush finale di campionato, ma soprattutto in vista della finalissima di Coppa Italia del 26 maggio contro la Roma. Assist per Klose in occasione del 4-0.

CANA 6,5 – Anche se non nel suo ruolo naturale, Cana disputa una buona partita annullando completamente insieme ai suoi compagni di reparto il trio offensivo avversario.

DIAS 6,5 – Finalmente una partita di buon livello per il brasiliano che sembra essere uscito dal brutto periodo in cui tutto gli andava storto.

RADU 6,5 – Impeccabile in fase difensiva, propositivo in quella offensiva. Da una grande mano a Lulic sull’out di sinistra creando molto spesso la superiorità numerica necessaria per creare pericoli alla retroguardia avversaria.

LEDESMA 6,5 – Il centrocampista italo-argentino gestisce al meglio la manovra biancoceleste smistando palloni a destra e sinistra e lanciando in profondità i propri compagni con lanci col contagiri.

HernanesHERNANES 7,5 – Il profeta brasiliano delizia la platea con giocate d’alta scuola. Doppi passi sambati, ma soprattutto un gol meraviglioso con pallone che va ripulire il palo e la traversa dalle ragnatele. Inaccettabile una sua ipotetica cessione, è troppo importante per questa squadra.

LULIC 7 – Un treno vero e proprio sulla fascia sinistra e Garics non riesce a fermarlo neanche con le cattive. Numerosi contropiedi partono dalle sue cavalcate devastanti. Suo l’assist per il 3-0 firmato da Miroslav Klose.

CANDREVA 7 – Come il suo compagno che però gioca sull’altro lato del campo, Candreva fa impazzire fin dal primo minuto Abero che insieme ai suoi compagni di squadra è costretto ogni volta al fallo pur di fermarlo. Cerca la rete più volte con conclusioni dalla distanza ma non è giornata. Autore di un assist per il momentaneo poker firmato da Klose.

FLOCCARI 6,5 – Finalmente titolare dal primo minuto accanto a Klose, merita il gol per l’ottimo lavoro sporco fatto per far salire la squadra ma la traversa gli nega di gioire. Suo l’assist per il 5° gol di Klose.

KLOSE 11 – Un voto come il suo numero di maglia. Miroslav Klose è il protagonista indiscusso di questa partita. Ben cinque le reti messe a segno, un vero e proprio panzer che distrugge totalmente gli avversari e un povero Stojanovic che nulla può contro la fame di gol del tedesco. Entra nella storia della S.S. Lazio tra i giocatori ad aver segnato più gol in una sola partita, dietro solo alla leggenda Silvio Piola che mise a segno ben 6 reti contro la Pro Vercelli.

V. PETKOVIC 7,5 – Una squadra ben messa in campo che minimizza e annulla ogni minimo tentativo avversario di avvicinarsi alla propria area di rigore. Il modulo con le due punte dà i suoi frutti, peccato non averlo utilizzato prima. Con un Klose così, o quantomeno disponibile per tutta la stagione gli obiettivi attuali della società biancoceleste sarebbero molto più importanti.

BOLOGNA S.V. – Il Bologna non sembra essere sceso in campo. Solo un paio le occasioni create dalla squadra di Pioli che non riesce mai ad impensierire seriamente gli avversari. La salvezza è quasi matematica, ma mollare così non è accettabile. Giusta la contestazione dei tifosi rossoblù presenti all’Olimpico.

Sebastiano Mongelli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *