Enrico Steidler
No Comments

Premier League, 36.ma giornata: Chelsea rischiatutto all’Old Trafford

Oltre al big-match fra i campioni d’Inghilterra e i Blues, spiccano il derby di Liverpool e la sfida del White Hart Lane fra Tottenham e Southampton. Wigan all’ultima spiaggia contro il WBA

Premier League, 36.ma giornata: Chelsea rischiatutto all’Old Trafford
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Domani torna in campo il massimo campionato inglese, e a tre giornate dalla fine resta ancora da stabilire chi riuscirà a partecipare alla competizione più prestigiosa – e remunerativa – del calcio continentale (Chelsea, Arsenal e Tottenham si contendono i due posti utili rimasti per la Champions) e chi scivolerà nella serie cadetta insieme a QPR e Reading. Il programma è ricco di match ormai decisivi o quasi: il Wigan si gioca a West Bromwich le ultime speranze di acciuffare la salvezza in extremis, il Tottenham deve vincere la partita casalinga contro i Saints e il Newcastle è chiamato al (difficile) riscatto contro il West Ham dopo la batosta tennistica (0-6) subita dai Reds una settimana fa. Domenica il clou con il 188° derby del Merseyside fra Liverpool ed Everton e il big-match Manchester United-Chelsea: i londinesi sono in un buon momento e Demba Ba è un’arma letale, ma fare punti sul campo dei neo-campioni d’Inghilterra sarà davvero dura. La 36.ma giornata si chiude lunedì sera con il posticipo (delicatissimo per i padroni di casa) fra Sunderland e Stoke.

LE SABBIE MOBILI DEI BASSIFONDI – “Nella lotta per non retrocedere, il margine che ci è rimasto è più ristretto che mai”. Ha ragione Roberto Martinez, tecnico del Wigan terz’ultimo in classifica: la quota salvezza è distante 5 punti e malgrado una gara da recuperare il compito appare quasi proibitivo. Sul campo del West Bromwich vincere è un imperativo categorico, e la speranza dei Latics, dopo tante gare storte, è di avere finalmente un po’ di fortuna (è ancora freschissimo, e bruciante, il ricordo dell’autorete subita all’ultimo minuto contro il Tottenham). Ce ne sarà bisogno, anche perché gli uomini di Steve Clarke (“Vogliamo dare ai nostri tifosi qualcosa di cui rallegrarsi“) non hanno alcuna intenzione di farsi impietosire. Meglio del Wigan (ma di poco) se la passano il Newcastle (che fa visita agli Hammerscon la testa calma e pensando solo a giocare” raccomanda Alan Pardew) e l’Aston Villa del matador Christian Benteke, che affronta l’insidiosa trasferta di Norwich sulle ali dell’entusiasmo scatenato dalla goleada contro il Sunderland (impegnato nel posticipo del Monday night contro l’ostico Stoke City: “Se non giochiamo come possiamo” – avverte Paolo di Canio – prenderemo un altro ceffone”) nell’ultimo turno di campionato. Giocano solo per l’onore, invece, e per evitare l’ultimo posto in classifica il Reading (atteso al Craven Cottage) e il QPR (che ospita il lanciatissimo Arsenal di Wenger), ma una batosta per entrambe è il pronostico più scontato.

EMOZIONI IN ALTA QUOTA – Ben altri sono gli obiettivi del Tottenham del pluri-premiato Gareth Bale (al White Hart Lane arriva il Southampton di Mauricio Pochettino e i tre punti sono più che mai necessari per garantirsi l’accesso alla Champions League), del Manchester City (che vuole consolidare il secondo posto in classifica a spese dello Swansea, ma la trasferta gallese non è priva di insidie) e dei già citati Gunners, che vincendo sul campo dei Rangers fanalini di coda hanno la possibilità di scavalcare il Chelsea e di guadagnare la terza posizione: difficile, almeno per quanto li riguarda, che se la facciano sfuggire.

DOMENICA DI LUSSO – I Blues rischiano grosso, quindi, sul campo dei campioni d’Inghilterra nel big-match di giornata: per i Devils e i loro sostenitori, infatti, quella contro il Chelsea è (con il derby) la partita più attesa e sentita, e chi pensa a un Manchester appagato e già in vacanza evidentemente non conosce la mentalità della razza padrona (che all’Old Trafford è abituata a non fare sconti: 13 vittorie negli ultimi 14 incontri disputati). Tra Ferguson e Mourinho, oltretutto, non corre buon sangue ed è probabile che sir Alex sia molto stuzzicato dall’idea di vedere il probabile futuro allenatore dei Blues relegato in Europa League la prossima stagione. Sotto questo aspetto le speranze sono scarse (classifica a parte, il Chelsea sembra avere qualcosa in più rispetto alle concorrenti e deve recuperare la gara dello Stamford Bridge proprio contro il Tottenham), ma una sconfitta nella tana dei Devils complicherebbe non poco il cammino degli uomini di Benitez.

All’insegna del grande calcio anche l’altra gara in programma domenica pomeriggio, quella di Anfield Road, dove va di scena il derby del Merseyside. Il bilancio complessivo pende in favore dei Reds (72 vittorie, 58 pareggi e 57 sconfitte in campionato, 85, 66 e 66 comprese League Cup, FA Cup e Community Shield), ma la squalifica di Suarez, la forza di Fellaini e compagni e il rendimento quasi identico nelle ultime 5 gare di Premier (9 punti il Liverpool, 8 l’Everton) rendono particolarmente equilibrato, e tutto da seguire, il più friendly fra i derby del calcio inglese. E non solo.

PREMIER LEAGUE, 36.ma GIORNATA

Sabato 4 maggio (ore 16)

Fulham-Reading

Norwich-Aston Villa

Swansea-Manchester City

Tottenham-Southampton

West Bromwich-Wigan

West Ham-Newcastle

Queens PR-Arsenal (ore 18.30)

Domenica 5 maggio

Liverpool-Everton (ore 14.30)

Manchester United-Chelsea (ore 17)

Lunedì 6 maggio (ore 21)

Sunderland-Stoke City

CLASSIFICA

Manchester United 85, Manchester City 71, Chelsea 65, Arsenal 64, Tottenham 62, Everton 59, Liverpool 54, West Bromwich 48, Swansea 42, West Ham 42, Fulham 40, Stoke City 40, Southampton 39, Norwich 38, Sunderland 37, Aston Villa 37, Newcastle 37, Wigan 32, QPR 25, Reading 25.

Chelsea, Manchester City, Swansea, Tottenham, West Bromwich e Wigan una partita in meno.

CLASSIFICA MARCATORI

25 Robin van Persie (Manchester United)

23 Luis Suarez (Liverpool)

19 Gareth Bale (Tottenham)

18 Christian Benteke (Aston Villa)

17 Michu (Swansea)

15 Demba Ba (Newcastle, Chelsea)

14 Rickie Lambert (Southampton)

14 Romelu Lukaku (West Bromwich)

PROSSIMO TURNO

Aston Villa-Chelsea, Stoke City-Tottenham, Everton-West Ham, Fulham-Liverpool, Norwich-West Bromwich, QPR-Newcastle, Sunderland-Southampton, Manchester United-Swansea, Arsenal-Wigan, Reading-Manchester City.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *