Redazione
No Comments

Bayern Monaco-Barcellona: Robben e Messi in conferenza stampa

Barcellona umiliato e fuori dalla Champions League

Bayern Monaco-Barcellona: Robben e Messi in conferenza stampa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tito VillanovaEra un risultato difficile da ribaltare, quasi impossibile anche per gli extraterrestri del Barcellona. O forse è meglio parlare di ex extraterrestri visto quello che si è visto ieri sera al Camp Nou: una squadra, quella di Tito Villanova, priva di idee e lenta nell’impostare il gioco, prevedibile, che vive di alcune iniziative personali che non portano a nulla. Privo del suo gioiello Lionel Messi, in panchina per scelta sua (?), i blaugrana sono una squadra “normale”, facilmente battibile. Nulla da togliere ai meriti del Bayern Monaco che, nel totale, ha realizzato 7 reti contro le 0 del Barca. I bavaresi si sono dimostrati molto più concreti ed efficaci, difendendo e giocando da squadra, con un Ribery che addirittura retrocedeva sulla linea dei difensori, con Dani Alves che da quella parte non è ai passato. In definitiva, il Bayern Monaco si è meritato la Finale di Wembley del 25 Maggio: sarà quindi una atto finale tutto tedesco contro i connazionali del Borussia Dortmund. Sarà una bella sfida.

A fine gara, il tecnico dei tedeschi, Jupp Heynckes, è soddisfatto del passaggio del turno: “Considerando le sfide di andata e ritorno abbiamo vinto 7-0. Non penso che il risultato possa essere più chiaro, ora possiamo godercela”. Sul match ha pesato l’assenza di Messi: Questa cosa ci ha sorpreso. Abbiamo giocato in modo eccellente, ma una cosa è il Barça con Messi e un’altra cosa senza“. Il tecnico dei bavaresi elenca poi le qualità della sua squadra: “Il Barcellona doveva fare a meno anche di Puyol, Mascherano, Busquets. Ma è chiaro che noi siamo capaci di giocare un calcio a ritmo elevato e siamo bravi a chiudere gli spazi: è da un anno che lo facciamo molto bene”.

A dire la sua sul match, ed ovviamente soddisfatto per come è andata la doppia sfida contro il Barca, c’è anche Arijen Robben, autore di un gol all’andata ed uno al ritorno: La cosa più importante è che il Bayern ha giocato da vera squadra, non solo in avanti ma anche dietro, e tutti abbiamo dato una mano. Noi siamo molto organizzati, e ognuno svolge il proprio lavoro: gli attaccanti spesso tornano dietro a dare una mano. Se vuoi vincere e quindi conquistare qualcosa d’importante ad alto livello, devi difendere di squadra. La finale? Sarà una grande sfida: il Borussia Dortmund ha provato negli ultimi due – tre anni di essere molto forte. Questa partita la decideranno i dettagli“.

Non accampa scuse Tito Villanova, il suo Barca ha subito 7 reti e non ne ha fatte nemmeno una. Villanova riconosce il merito degli avversari e spiega perché Messi non ha giocato: Faccio i complimenti al Bayern, ma il Barça al 100% della forma può competere con la squadra bavarese. Siamo una squadra giovane con tanto futuro. Messi? Abbiamo deciso alla mattina, dopo Bilbao aveva la sensazione di potersi fare male. Non è al meglio fisicamente e non si sentiva al 100% per giocare in questa semifinale. Farlo giocare all’andata non è stato un errore. Il giocatore stava bene, ma era fermo da tante partite. Successivamente, però, ha pagato la scarsa condizione di forma e tutte la squadra è stata condizionata dal suo rendimento”. Sul suo futuro: “La prossima stagione resterò al Barcellona”.

Massimiliano di Cesare

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *