Vincenzo Galdieri

Serie A, te li ricordi? Elia ed Arnautovic a tutta velocità: il Werder li ‘squalifica’

Serie A, te li ricordi? Elia ed Arnautovic a tutta velocità: il Werder li ‘squalifica’
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

elia-arnautovic gggggBREMA, 30 APRILE – Sono passati anche da noi, ve li ricordate? Eljero Elia e Marko Arnautovic sbarcarono in Serie A in tempi differenti, acclamati dai tifosi rispettivamente di Juventus ed Inter: innamorati di loro, fin dal primo istante. Ed era giusto esaltarsi davanti ad acquisti del genere, le premesse perchè diventassero campioni c’erano tutte e forse ci sono ancora. Ma i due ragazzi sono sempre stati funambolici, sia dentro che fuori dal campo. E non sembrano aver alcuna intenzione di smettere. Marko ha 24 anni, Eljero 26. Sono due giovanotti, ed è giusto che si godano la vita. Ma alla dirigenza del Werder, che attualmente li stipendia, piacerebbe che si ricordassero anche di essere dei professionisti. Cosa che non hanno fatto – stando alle informazioni fornite dalla Bild – la notte tra venerdi e sabato scorso, quella precedente alla fondamentale trasferta di Leverkusen dei verdi di Brema. La coppia di amici è stata fermata  in piena notte dalla polizia, che li ha multati per eccesso di velocità. Il misfatto – come prevedibile – ha scatenato l’ira della società tedesca, che gli ha inflitto una pena singolare: in castigo, fino a fine stagione.

‘ALLENATEVI DA SOLI’ – Insomma, il Werder non l’ha presa bene. Queste le parole del ds Thomas Eichin: “Abbiamo bisogno della piena concentrazione di ogni singolo giocatore fino al termine della stagione. Abbiamo chiarito con Arnautovic e Elia che ancora una volta il loro comportamento ha danneggiato la squadra. Entrambi seguiranno allenamenti individuali lontani dalla squadra”. Mano pesante: di fatto si tratta di una ‘squalifica’ imposta dall’interno. Stagione finita per i due ragazzi vivaci.

IL WERDER NEL FUTURO – Ma nonostante tutto, in casa Brema hanno ancora intenzione di puntare su di loro. Non ne fa mistero  lo stesso Eichin, che dichiara: “Nei nostri piani per la prossima stagione tutti e due hanno un ruolo”. L’intenzione del Werder è quindi educativa: in società vogliono che episodi del genere non si ripetano in futuro, sperano nella crescita di due giovani che potrebbero dare molto di più sul campo. Riusciranno ad esprimere tutto il loro potenziale prima o poi? Chissà. I tifosi di Juventus ed Inter però, ad oggi, non li rimpiangono di certo: l’infatuazione è finita da un pezzo.

A cura di Vincenzo Galdieri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *