Giovanni Nole

Bundesliga, i match del sabato: Bayern indomabile, lotta salvezza al fotofinish

Bundesliga, i match del sabato: Bayern indomabile, lotta salvezza al fotofinish
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

I risultati della 31esima giornata: il Bayern con le seconde linee affonda il Friburgo, il Leverkusen inguaia il Werder Brema.

shaqiri-bayernMONACO DI BAVIERA, 27 APRILE – Se il titolo del Meisterschale è stato assegnato già da un paio di giornate – anche se idealmente il Bayern aveva la corona in testa almeno dalla fine del girone d’andata – la Bundesliga, a sole tre giornate dal termine, ha ancora tutto da dire relativamente a piazzamenti importanti, quali il quarto posto che significherebbe preliminari di Champions, i posti che darebbero accesso all’Europa League e, soprattutto, i posti salvezza, due dei quali ancora da attribuire. La 31esima giornata, partita ieri sera con la vittoria in casa del già retrocesso Furth dell’Hannover per 2-3 e proseguita quest’oggi con i match delle 15:30, è dunque fondamentale per stilare la classifica definitiva del campionato di Bundes 2012/13, quando siamo davvero ad un passo dal finish.

GLI INDOMABILI – Partiamo proprio da chi, ormai, al campionato non ha più nulla da chiedere: ennesima, grande soddisfazione quest’oggi per l’insaziabile Bayern Monaco, che non ha intenzione di fermarsi nonostante la già raggiunta certezza matematica della conquista del Meisterschale dopo due anni di attesa. A chiudere un mese perfetto all’interno di un’annata più che perfetta, oltre alle glorie di Champions (e la già praticamente già raggiunta finale di Wembley) e la già citata vittoria del titolo, due record che, con la vittoria di oggi sul Friburgo, impreziosiscono ancor di più la vittoria del titolo nazionale tedesco: la 14esima vittoria consecutiva in Bundes (14 su 14 nel 2013!) e il raggiungimento del record di punti, 84, sono pietre miliari che ben descrivono la forza e l’indomabilità in quest’annata di un Bayern Monaco fenomenale, impareggiabile. Come detto, a recitare il ruolo della vittima questo pomeriggio non una squadra qualsiasi, ma la squadra rivelazione del Friburgo, al quinto posto in Bundes e in piena lotta per il quarto posto, ad un solo punto dalle Schalke. Forte delle maggiore motivazioni e del poter schierare la rosa titolare a fronte di un Bayern imbottito di riserve, non sarebbe stato poi così assurdo pensare ad un exploit degli ospiti, seppur nell’inconquistabile Allianz Arena. Ma non c’è niente da fare, le seconde linee del Bayern sono troppo forti: se i bavaresi potessero schierare una seconda squadra in Bundes, probabilmente piazzerebbero entrambi i team nelle prime due posizioni, Dortmund permettendo; così, basta un gol di Shaqiri al 35esimo del primo tempo per stendere un pur volenteroso Friburgo, continuando la marcia di vittorie in attesa di sigillare, mercoledì prossimo, la conquista della finale di Champions League ai danni di un Barcellona ormai già domo.

LOTTE IN BILICO – Ma il Friburgo non è l’unica squadra, in lizza per un piazzamento in Champions League, a cadere oggi. Anche il Borussia Moenchengladbach, infatti, esce sconfitto da questo turno di Bundesliga: loro carnefice il Wolfsburg di Diego e Olic, vittorioso per 3-1 (vantaggio Wolfsburg con Arnold, pareggio degli ospiti con Mlapa e reti che suggellano la vittoria proprio dei due giocatori migliori, l’ex juventino e il croato ex Bayern). A gioire di questo doppio passo falso, Schalke e Eintracht Frankfurt, rispettivamente quarto e quinto ad un solo punto di distanza l’uno dall’altro e che domani pomeriggio affronteranno Amburgo e Mainz. Accesissima la lotta salvezza: quattro squadre per due soli ticket per rimanere sul treno Bundes: se il Duffeldorf giocherà più tardi, alle 18:30 contro un Borussia Dortmund con la testa già al ritorno delle semifinali di Champions di martedì col Real, le altre tre formazioni, ovvero Augsburg, Hoffenheim e Werder Brema, han giocato contemporaneamente oggi. A vincere, però, solo le prime due formazioni, che hanno giocato e vinto in casa rispettivamente contro Stoccarda (3-0 ad una squadra che sì non ha più nulla da chiedere al campionato, ma che ha giocato praticamente coi titolari: Molders, De Jong e Jii i marcatori) e Norimberga (Weis e Salihovic i marcatori per i padroni di casa; di Simons su rigore la rete degli ospiti, anche loro fuori da ogni lotta in Bundes dopo essersi salvati da poco). E’ andata male, invece, al Werder Brema, che doveva affrontare il Bayer Leverkusen alla BayArena senza i due giocatori più talentuosi, Arnautovic e Elia, esclusi dalla formazione titolare per punizione per via dei loro eccessi al volante. Per il Leverkusen, ormai sicuro della sua terza posizione, vittoria per 1-0: decide la rete di Kiessling al 35’ del primo tempo (coincidenza, stesso minuto della rete di Shaqiri) su calcio di rigore. Una sconfitta che inguaia il Werder: per gli uomini di Thomas Schaaf ora solo due punti di vantaggio su Augsburg e Dusseldorf (che però ha una partita in meno), mentre l’Hoffenheim, nonostante la vittoria, sembra quasi spacciato, con i suoi tre punti di differenza proprio dall’Augsburg terz’ultimo. Infine, curiosità dalla giornata di calcio tedesco odierna: han vinto tutte le squadre che han giocato in casa.

A cura di Giovanni Nolè

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *