Giuseppe Alessi

Premier League, il Man City batte 2-1 il West Ham e ipoteca il secondo posto

Premier League, il Man City batte 2-1 il West Ham e ipoteca il secondo posto
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

YayaToure_1509466aMANCHESTER, 27 APRILE – Finisce 2-0 per il City che con un gol per tempo archiviano la pratica West Ham che pur era riuscito a far fronte agli arrembaggi degli uomini di Mancini. Vittoria utile perché consolida il secondo posto e tiene l’Arsenal a distanza di otto punti. Gli Hammers nonostante non abbiano mai creato seri pericoli alla difesa Citizen, hanno il merito di essere riusciti a rimanere in partita a poco più di cinque minuti dalla fine. Quando è arrivato il gol, però, era ormai troppo tardi.

Il Manchester City scende per la prima volta in campo con la consapevolezza e con la matematica certezza di non poter riconfermare l’incredibile cavalcata vincente dello scorso anno. Lunedì infatti la tripletta di Robin Van Persie ha riportato il titolo nella parte di Manchester più abituata a celebrare questa conquista, nel regno di Sir Alex.
Il West Ham invece è in lotta per un posto in Europa League. Sarebbe il coronamento di una stagione entusiasmante per i ragazzi di Allardyce.

E’ la superiorità tecnica del City a fare la differenza nel primo quarto d’ora in termini di volume di gioco e di pressione offensiva. Gli Sky Blues però non riescono a legittimare la supremazia territoriale anche a causa di una buona organizzazione difensiva degli Hammers. Al 22′ una palla messa in mezzo dal solito Silva viene sfruttata male da Aguero che da posizione favorevolissima colpisce il palo quando avrebbe, invece, dovuto trovare il bersaglio grosso.
Al 28′ si sblocca la partita: il City passa dopo un’azione tutta di prima finalizzata da Aguero: per lui si tratta della undicesima rete in campionato. Passano due minuti e il City potrebbe raddoppiare con Zabaleta ma trova Jaaskaleinen sulla sua strada.
La reazione del West Ham si concretizza in avvio di ripresa quando Zabaleta è costretto a fare gli straordinari. Jarvis, Carroll e Nolan i più attivi. La partita è più viva rispetto al primo tempo.
Ma quando il City aumenta i ritmi crea problemi seri: per due volte Tevez è messo in condizione di timbrare il cartellino ma i tentativi falliscono. Al 70′ Nasri cicca clamorosamente da due metri il pallone messo in mezzo teso da Tevez e tiene ancora in vita i londinesi.
Al 80′ il West Ham hanno un’occasione: il rimpallo è colto da Jarvis che calcia male, il pallone finisce sui piedi di Collins che manda a lato.
Il sipario scende sulla gara all’83’ quando Yaya Tourè indirizza col suo sinistro un tracciante dal limite dell’area che si spegne vicino l’incrocio dei pali. Nel finale Carroll dimezza le distanze sfruttando anche un infortunio di Hart.

Manchester City 1 (28′ Aguero, 83′ Yaya Tourè)
West Ham 1 (94′ Carroll)

Manchester City (4-2-3-1): Hart; Zabaleta, Kompany, Lescott, Clichy; Yaya Tourè, Barry; Tevez (83′ Javi Garcia), Silva (78′ Minler), Nasri; Aguero. All.: Mancini.
West Ham (4-3-3): Jaaskelainen; Demel, Collins, Reid, O’Brien (80′ Cole); Nolan (80′ Taylor), O’Neil, Diamè; Vaz Te (66′ Collison), Carrol, Jarvis. All.: Allardyce.

Giuseppe Alessi
Twitter: @galessi90

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *