Lorenzo Brenna

Bayern Monaco–Barcellona 4-0, i tedeschi annichiliscono i marziani

Bayern Monaco–Barcellona 4-0, i tedeschi annichiliscono i marziani
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Thomas Muller, attaccante del Bayern MonacoMONACO, 23 APRILE – Un Bayern Monaco mostruoso annienta 4-0 il Barcellona all’Allianz Arena.

I catalani subiscono la fisicità, la voglia e l’indiscussa classe dei bavaresi, protagonisti fin qui di una stagione mostruosa, e anche la scarsa ispirazione del suo uomo simbolo, Leo Messi, che ha però l’attenuante della scarsa condizione fisica. Il fuoriclasse argentino è reduce da un problema muscolare nel quarto d’andata col Psg. Il Bayern prenota già un volo per la finale di Wembley, sarebbe la terza nelle ultime quattro stagioni. È vero che i catalani tra le mura amiche del Camp Nou sono capaci di tutto, il Milan ne sa qualcosa, ma recuperare quattro gol è un’impresa che rasenta l’impossibile.

PRIMO TEMPO – Si sfidano probabilmente le due squadre più forti d’Europa, spesso in questi casi l’avvio è equilibrato, ma non in questa partita. Sono passati solo due minuti e i padroni di casa vanno subito vicino al gol con Robben che calcia da due passi, si salva Victor Valdes di piede. Il Barcellona prova ad imbastire il suo ipnotico possesso palla ma con poca lucidità e soprattutto senza essere mai pericoloso. Al 25’ i tedeschi passano in vantaggio con Thomas Muller, quello che Maradona con poca lungimiranza aveva definito un giardiniere. Muller incorna sottoporta dopo una bella sponda di Dante, Victor Valdes però ha qualche responsabilità. Il primo tempo si chiude con i tedeschi avanti e con un Barça davvero irriconoscibile.

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia con lo stesso copione, il Bayern sembra avere tutto un altro passo e i frutti si vedono. Dopo soli 4 minuti i bavaresi raddoppiano. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Muller fa sponda per Gomez (in sospetto fuorigioco) che non ha problemi a insaccare a porta vuota. Il Barcellona accusa il colpo mortalmente, nel giro di due minuti il Bayern va vicinissimo al 3-0, prima con Ribery e poi con Robben, vere e proprie spine nello scopertissimo fianco blaugrana. Messi prova a prendere la squadra per mano ma non riesce a incidere. L’inerzia della partita è sagnata e infatti al 28′ arriva anche il 3-0 a firma di Robben. Contropiede di Ribery, la palla arriva a Robben che entra in area e trova l’angolino basso con un sinistro a giro, la rete però sarebbe da annullare per un’evidente fallo di Mario Gomez su Jordi Alba. Il Bayern è una macchina e continua ad attaccare per dare il colpo di grazia all’avversario ferito. Al 35′ è bravo Valdes a salvare i suoi uscendo bene su Muller, ma due minuti dopo lo stesso Muller realizza il poker su assist di Alaba finalizzando un’azione bellissima. Il Barcellona vede probabilmente sfumare la finale e il proprio status di squadra più forte del mondo. Il futuro è del Bayern Monaco.

Lorenzo Brenna

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *