Ruggiero Daluiso
No Comments

Milan, Allegri di nuovo sulla graticola. E Silvio ha già in mente il sostituto

Massimiliano Allegri esonerato se non arriva terzo, Berlusconi ha in mente già il nuovo tecnico

Milan, Allegri di nuovo sulla graticola. E Silvio ha già in mente il sostituto
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 23 APRILE – Tempi cupi a Milanello. I rossoneri dopo i due pareggi rimediati con Fiorentina e Napoli, seguiti dalla sconfitta allo Juventus Stadium, hanno il morale sotto i tacchi. La Fiorentina è a -1 e il terzo posto non è più così sicuro.

BERLUSCONI DA L’ULTIMATUM AD ALLEGRI – Il morale dei rossoneri è sotto ai tacchi e i risultati, non certo positivi, ottenuti nelle ultime importanti partite hanno anche rimesso in discussione la posizione all’interno dello spogliatoio del tecnico Massimiliano Allegri. E la cosa non è andata certamente giù al patron del Milan, Silvio Berlusconi, il quale ieri a Roma si è mostrato preoccupatissimo quando gli è stato chiesto cosa accadrebbe qualora i rossoneri non si riuscissero a qualificare per la Champions League (un vero e proprio ultimatum ad Allegri). Il calendario dei rossoneri da qui fino alla fine del campionato è abbastanza favorevole e con il ritorno di Mario Balotelli i tifosi del Milan possono tirare un sospiro di sollievo, anche se la Fiorentina è dietro ad una sola lunghezza e fa paura a tutti. Vincenzo Montella ha messo su una squadra praticamente dal nulla e l’ha portata fino al quarto posto in campionato, con il secondo più bel gioco d’Italia (dopo la Juve di Conte).

Allegri e Berlusconi a confronto

Allegri e Berlusconi a confronto

UN AEROPLANINO A MILANELLO – E proprio per questo motivo, già da alcune settimane, a Silvio Berlusconi (che è da sempre un esteta del calcio) è venuta l’idea, già dal prossimo luglio, di affiancare all’eterno secondo allenatore Mauro Tassotti proprio Vincenzo Montella, che sta convincendo sempre più l’ex premier. Al patron rossonero non sarebbe andato giù nemmeno il pareggio di Firenze, nel quale i rossoneri si sono fatti rimontare il vantaggio di due gol con l’uomo in più senza mostrare un briciolo di gioco e grinta.

Massimiliano Allegri è stato avvisato, anche se indirettamente, ed ora spetta a lui ribaltare questi possibili scenari e ottenere il tanto atteso terzo posto, valido per sentire anche per il prossimo anno la musichetta tanto amata dal Presidente Berlusconi.

Ruggiero Daluiso

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *