Redazione

Playoff NBA, Highlights e Recap Gara 1

Playoff NBA, Highlights e Recap Gara 1
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Paul ,play dei Clippers

Paul ,play dei Clippers

Sono partiti i playoff NBA:  rispettato il fattore campo in tutte le serie. Vediamo come sono andate:

NEW YORK KNICKS-BOSTON CELTICS 85-78 (1-0)   dopo aver sofferto a lungo, i Knicks hanno indirizzato dalla loro parte il match nell’ultima frazione di gioco, in cui viceversa i Celtics hanno faticato non poco a segnare ( soli 8 punti). Monumentale Carmelo Anthony, che quando ha deciso di ingranare la quarta è risultato immarcabile per Boston, che dal canto suo ha avuto 26 di Green e 21 di Pierce, pagando dazio il contributo praticamente nullo della panchina ( 4 punti a referto). 15 per J.R. Smith e 13 di Kenyon Martin per New York, che aspetta Boston mercoledì sera per gara 2, sempre al Madison Square Garden.

BROOKLYN NETS- CHICAGO BULLS 106-89 (1-0)  i Nets ritornano alla post-season per la prima volta dopo l’era-Kidd e lo fanno con il botto, annicchilendo i Bulls di Belinelli con una prova offensiva superlativa. Guida dei Nets è il solito Deron Williams (22 e 7 assist), che imbecca costantemente l’ottimo Brook Lopez (21). Buone prove anche per Joe Johnson (16) e Gerald Wallace (14), davanti a dei Bulls abulici, che non riescono ad impensierire minimamente gli avversari. Per loro 25 di Boozer, 17 di Robinson e 13 per il nostro Belinelli. Domani gara2.

MIAMI HEAT- MILWAUKEE BUCKS 111-89 (1-0)  Miami porta a casa la prima gara di questi playoff dominando dei discreti Bucks, che si mantengono a contatto con Jennings (26). Nell’ultimo periodo si scatena LeBron: “The Chosen One”  chiude con 27 punti, 10 rimbalzi e 8 assist sfiorando la tripla doppia. 20 di Allen e 16 di Wade per gli Heat, mentre Ellis chiude a quota 22 per Milwaukee, che appare spacciata di fronte all’agonismo dei ragazzi di Spoelstra.

INDIANA PACERS- ATLANTA HAWKS 107-90 (1-0)  i Pacers si aggiudicano gara 1 grazie ad una super-prestazione di Paul George, che mette a referto la prima tripla doppia in carriera da 23 punti, 12 assist e 11 rimbalzi. Indiana manda in doppia cifra tutti i componenti del quintetto ( West,Hibbert,Stephenson e Hill oltre a George) mandando i titoli di coda dopo soli 3 quarti. Gli Hawks, che hanno avuto un Teague da 21 punti, danno l’impressione di poter vincere almeno una partita nel corso della serie.

SAN ANTONIO SPURS- LOS ANGELES LAKERS 91-79 (1-0)  gli Spurs approfittano dell’assenza di Bryant nelle file di Los Angeles per portarsi avanti nella serie, grazie ad una ritrovata solidità difensiva collettiva e soprattutto grazie alla capacità di Duncan (17+9) di arginare Howard (20). I Lakers spesso non sanno cosa fare in attacco anche perché Nash (16) è in pessime condizione fisiche. Ginobili e Parker trascinano San Antonio mettendo a segno 18 punti a testa, in attesa del secondo atto sempre all’ AT&T Center.

OKLAHOMA CITY THUNDER- HOUSTON ROCKETS 120-91 (1-0)   i Thunder aprono la post-season con una netta vittoria nei confronti dei  Rockets dell’ex James Harden (20). La contesa non è mai stata in discussione, con Oklahoma che ha 24 da Durant, 19 di Westbrook e 17 di Ibaka.

DENVER NUGGETS- GOLDEN STATE WARRIORS 97-95 (1-0)  i Nuggets si portano sull’ 1-0 nella serie sconfiggendo Golden State solamente con un buzzer-beater dell’eterno Andrè Miller (28), che trova il jolly vincente in penetrazione sul 95 pari. Denver è senza Gallinari e ha difficoltà a trovare un leader in campo: al suo posto Karl manda in campo in quintetto il rookie Evan Fournier (11). Buona prova complessiva per i Warriors nonostante Curry (19) incontri più di qualche problema al tiro, 22 per Thompson e 10 di Lee che, uscito per un problema muscolare, ha terminato anticipatamente la sua stagione.

LOS ANGELES CLIPPERS- MEMPHIS GRIZZLIES 112-91 (1-0)   per il secondo anno consecutive Clippers e Grizzlies si incrociano nella parte finale della stagione. La truppa capitanata da Chris Paul (23) dà l’impressione di essere molto più solida e dopo aver scherzato per tre quarti, dà vita all’allungo decisivo nell’ultima frazione con un break propiziato dal secondo play Eric Bledsoe (15) e dai lunghi Griffin e Jordan che riescono ad arginare il pacchetto avversario ( Gasol 16 e Randolph 13).

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *