Leonardo Andreini
No Comments

Roma-Pescara 1-1: magic moment Destro, De Rossi evanescente. Le pagelle dei giallorossi

Roma-Pescara 1-1: magic moment Destro, De Rossi evanescente. Le pagelle dei giallorossi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

ROMA

Stekelenburg 6 – Compie  una bella parata nel finale su Di Francesco, il goal abruzzese però nasce da una sua respinta non perfetta dell’olandese

Marquinhos 5  – Sul goal non tiene Caprari e soffre spesso e volentieri le iniziative del reparto offensivo ospite

Piris 5,5 –  Non spinge mai sulla fascia destra e quindi finisce per non dare l’apporto necessario alla manovra offensiva

Castan 5.5 – Rischia tanto, difende discretamente su Caprari e Sforzini ma nel primo tempo non entra in partita

Torosidis 6 – Il neo acquisto giallorosso disputa una gara tutto sommato positiva, va spesso alla conclusione senza trovar fortuna

Florenzi 5.5  – Viene sostituito stremato da mister Andreazzoli, non dimostra grande forma fisica nonostante comunque ci mette sempre una grande grinta

De Rossi 5.5 – Non riesce a trovare il goal del vantaggio capitolino grazie a Pellizzoli che gli sbarra la strada, si fa vedere di più là davanti ma senza incidere

Bradley 6 – Entra a 20′ dalla fine e crea poco e niente, dà comunque ordine al centrocampo

Pjanic 5 – Gara da dimenticare per lui, errori spesso imperdonabili e senso della posizione molto basso;

Lamela 5.5 – Dopo l’eurogoal di Torino dall’argentino qualcosa in più era giusto aspettarselo,  fallisce però tale opportunità

Totti 6.5 – Immenso, dà una mano, fa della sua dote principale la grinta e la tenacia, oltre alla tecnica al solito cristallina. Chapeau

Destro 6.5 – E’ il suo momento, segna ed evita la disfatta che sarebbe stata a dir poco clamorosa. Bravo

Osvaldo 5 – Stesso discorso di Lamela, dopo la buona prova di Torino qualcosa in più da lui dovevamo aspettarcelo

Lopez s.v.

All. Andreazzoli 5  – Non parte affatto bene la sua squadra che concede un primo tempo ad una squadra che è praticamente già in B. C’è da interrogarsi e non poco su come la Roma approcci questi tipi di partite.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *