Luca Guerra

Sorpresa all’Olimpico: il Pescara frena la Roma

Sorpresa all’Olimpico: il Pescara frena la Roma
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Abruzzesi in vantaggio con Caprari, Destro pareggia i conti. Finisce tra i fischi.

destro-roma-interROMA, 21 APRILE-  L’orgoglio del Pescara ha la meglio sull’incostanza della Roma. La sorpresa della 33^ giornata del campionato di Serie A arriva dall’”Olimpico”, dove i giallorossi non riescono ad andare oltre l’1-1 contro l’ultima forza del torneo. Al vantaggio dell’ex romanista Caprari nel primo tempo risponde Mattia Destro, e a nulla serve l’arrembaggio finale dei giallorossi, che restano in sesta posizione con 52 punti a -1 dall’Inter. Pescara ultimo ma con orgoglio a quota 22.

 

La cronaca- Andreazzoli lancia il 4-3-3, con Pjanic in cabina di regia, Torosidis a sinistra e il trio Lamela-Totti-Osvaldo in avanti. Nel Pescara, Bucchi propone Cascione alle spalle di Sforzini, con Celik e Caprari a fare da elastico sulle fasce. Partono molto meglio gli abruzzesi, con la Roma che gioca sotto ritmo: prima Sforzini impensierisce Stekelenburg, poi al 14’ arriva il vantaggio ospite. Tiro radente di Cascione dai 25 metri, respinta approssimativa del portiere olandese e stacco del prodotto delle giovanili giallorosse a porta vuota. 0-1 e seconda rete stagionale per l’attaccante classe 1993. La Roma accusa i colpi e i fischi del suo pubblico: il Pescara contiene bene le sfuriate giallorosse anche grazie alla buona giornata di Pelizzoli, altro ex in grande spolvero. Decisivo l’intervento del portiere al 18′. Totti lancia in area sulla sinistra per Florenzi che calcia da due passi di destro addosso a Pelizzoli che blocca. La Roma pressa e si butta in avanti con il cuore, ma con poche idee, e ci prova con De Rossi, Lamela e Totti senza fortuna.

Nella ripresa Andreazzoli lascia a riposo uno spento Florenzi, inserendo Destro per un 4-2-3-1 a trazione anteriore, con Lamela, Totti e Destro alle spalle di Osvaldo. Ed è proprio l’attaccante decisivo in Coppa Italia contro l’Inter a pareggiare i conti: sugli sviluppi di un calcio d’angolo dalla destra, Pjanic calcia, Capuano blocca il tiro ma non libera consentendo a De Rossi in girata di rimettere in mezzo dove Destro, a porta vuota, insacca da due passi. 1-1 e seconda rete in campionato per Destro. Ti attendi la goleada giallorossa, ma il Pescara rintuzza bene gli attacchi capitolini e sfiora anche il raddoppio con Sforzini. Nella Roma è De Rossi a mancare il 2-1 su assist di Pjanic. Ci provano dalla distanza Torosidis, Bradley e Pjanic, Osvaldo si vede annullare un gol per fuorigioco, ma Pelizzoli risponde sempre “presente”. Andreazzoli lancia nella mischi anche Nico Lopez, passando al 3-2-3-2, ma senza frutti, e nel finale sono gli abruzzesi a impensierire la Roma con il giovanissimo figlio d’arte Di Francesco. Termina 1-1 tra i fischi dell’”Olimpico”, e la Roma non fa tris dopo i successi di Torino e Milano in Coppa Italia.

ROMA (4-3-2-1): Stekelenburg; Piris (83′ Lopez), Marquinhos, Castan, Torosidis; Pjanic (72′ Bradley), De Rossi, Florenzi (46′ Destro); Lamela, Totti; Osvaldo. A disp.: Goicoechea, Lobont, Romagnoli, Dodò, Taddei, Perrotta, Tachtsidis, Lucca. All.: Andreazzoli.

PESCARA (4-2-3-1): Pelizzoli; Zanon, Cosic (90′ Arce), Capuano, Modesto; Rizzo, Togni; Celik (63′ Di Francesco), Cascione, Caprari (53′ Balzano); Sforzini. A disp.: Falso, Abbruscato, Balzano, Arce, Bjarnason, Blasi, Di Francesco, Perin, Vittiglio, Vukusic. All.: Bucchi.

RETI: 14′ Caprari, 51′ Destro.

NOTE. Ammoniti: 48′ Torosidis, 49′ Destro, 57′ Togni, 84′ Di Francesco, 93′ Pelizzoli.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *