Giuseppe Alessi

Serie A, Fiorentina-Torino termina 4-3 tra magie e spettacolo

Serie A, Fiorentina-Torino termina 4-3 tra magie e spettacolo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

cuadrado_festeggiato-fiorentinaFIRENZE, 21 APRILE – La Fiorentina vince al termine di una gara dalle infinite emozioni che frutta tre punti di importanza vitale in chiave Champions League: adesso il Milan, impegnato stasera allo Juventus Stadium, è distante appena un punto. Onore al Torino che è resuscitato dopo lo 0-3 fino ad acciuffare il momentaneo pareggio, svanito a 5′ dalla fine.

Nel pomeriggio della 33esima giornata di Serie A a Firenze è atteso il Torino di Ventura che all’andata era andato vicinissimo alla vittoria prima che il gol di El Hamdaoui all’86’ avrebbe sancito il definitivo 2-2. Jovetic che ha recuperato dalla ricaduta patita nella sfida interna con il Milan è stato convocato ma partirà dalla panchina. In avanti Ljajic, Larrondo e Cuadrado. Ventura sceglie Meggiorini e non Bianchi. Fari puntati su Alessio Cerci, 47 gare e 12 reti con la Fiorentina che è ancora proprietaria del suo cartellino.

SUBITO LA PERLA DI CUADRADO. La partita viene subito sbloccata: Cuadrado appena entrato in area colpisce Gillet con un pallonetto beffardo che il portiere Belga riesce solo a sfiorare. Pochi secondi prima Cerci aveva impensierito seriamente la difesa viola: Rodriguez devia con la schiena, in scivolata, un pallone che sarebbe finito all’angolino. Al 16′ al secondo tentativo in porta, la Fiorentina segna ancora: è Aquilani a mettere il pallone in rete con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Si respira un’aria di festa: le due tifoserie gemellate, unite in nome dell’antijuvenità, si testimoniano reciprocamente il loro rispetto. Al 33′ un’altra magia, stavolta offerta dal destro di Ljajic, uno specialista sui calci piazzati: il suo tiro a scavalcare la barriera si insacca all’incrocio. La partita sembra già chiusa quando manca ancora un’ora di gioco. A riaprire la partita appena prima del duplice fischio arbitrale è Barreto che servito da Santana apre il piatto destro e batte Viviano alla sua sinistra.
La partita è definitivamente aperta al 56′ quando una bellissima azione del Torino premia il taglio di Santana che conclude dal limite dell’area e segna con Viviano non immune da colpe. La spinta del Torino però si affievolisce dopo un quarto d’ora ad alti livelli. L’occasione del pareggio capita sulla testa di Bianchi ma Viviano si riscatta. Sul cambio di fronte è Cuadrado dopo una bellissima cavalcata a mancare il bersaglio grosso di pochi centimetri.
GIOIELLO DI CERCI: RIMONTA COMPLETATA. Ma il capolavoro di Cerci del 77′ vale da solo il prezzo del biglietto oltre a rappresentare l’incredibile rimonta per il Torino: il suo è un tiro a giro di sinistro dal vertice dell’area grande che si infila sotto l’incrocio dei pali opposto. Mirabolante. Ma le sorprese non sono finite di certo: infatti, quando ci si sarebbe aspettato l’arrembaggio granata, arriva il gol del 4-3 per opera di Romulo che è abile a sfruttare il lavoro di sponda di El Hamdaoui. E’ il risultato definitivo di una partita bellissima e incredibile.

Fiorentina 4 (8′ Cuadrado, 16′ Aquilani, 33′ LJiajic, 86′ Romulo)
Torino 3 (45′ Barreto, 56′ Santana, 77′ Cerci)

Formazioni

Fiorentina (4-3-3): Viviano: Tomovic, G. Rodriguez, Compper, Savic; Aquilani (73′ Romulo), Pizarro, Borja Valero; Cuadrado, Larrondo (81′ El Hamdaoui), Ljajic (63′ Fernandez). A disp.: Neto, Lupatelli, Roncaglia, Sissoko, Romulo, Migliaccio, Bernardeschi, Jovetic, El Hamdaoui, Toni. All.: Montella.

Torino (4-2-4): Gillet; Darmian, Glik, Ogbonna, D’Ambrosio; Gazzi (46′ Basha), Vives; Cerci, Meggiorini (67′ Bianchi), Barreto (71′ Jonathas), Santana. A disp.: Coppola, Rodriguez, Di Cesare, Masiello, Caceres, Bakic, Menga, Birsa, Diop. All.: Ventura.

Arbitro: Gianpaolo Calvarese
Ammoniti: Cuadrado (F); Vives, Bianchi (T)
Espulsi: 92′ Darmian (T)

Giuseppe Alessi
Twitter: @galessi90

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *