Sebastian Mongelli
No Comments

Le pagelle Udinese-Lazio 1-0: Di Natale delizioso, Stankevicius disastroso

Le pagelle Udinese-Lazio 1-0: Di Natale delizioso, Stankevicius disastroso
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

ROMA, 21 APRILE – Grande prova dell’Udinese ieri sera che porta a casa tre punti fondamentali tali da raggiungere in classifica una Lazio sempre più in crisi di risultati. Ecco le pagelle di SportCafe24.

UDINESE

BRKIC 6 -Il portierone friulano non viene chiamato in causa quasi mai in tutta la partita. Passa il tempo a rinviare palloni finiti oltre la linea di fondocampo.

BASTA 6,5 – Grande prova del serbo che vince tutti i duelli con Gonzales, e che si propone molto spesso in fase offensiva creando non pochi pericoli alla retroguardia biancoceleste.

BENATIA 6 – Qualche scaramuccia con Klose, rischia un giallo inutile per un fallaccio proprio sul tedesco a metà campo. Ordinaria amministrazione per tutto il match.

DANILO 6 – Anche per il centrale brasiliano una partita senza non troppi problemi. Ce n’era solo uno da fermare in particolare, Miroslav Klose, e dato il risultato il compitino è stato svolto.

DOMIZZI 6 – Tanta esperienza, e tanta sicurezza nei propri mezzi. Si fa vedere sulle palle inattive, e in difesa non commette errori. Unico neo della partita il cartellino giallo rimediato per un fallo commesso su Klose.

GABRIEL SILVA 6,5 – Il difensore brasiliano fa letteralmente impazzire Stankevicius. Numerose le scorribande sull’out di sinistra, e una di queste porta proprio al gol del vantaggio friulano. Delizioso cross per Di Natale che insacca alle spalle di Marchetti.

ALLAN 6,5 – Pressa per tutta la partita senza mai fermarsi un attimo. Si fa valere in mezzo al campo costringendo gli avversari al fallo pur di fermarlo.

LAZZARI 6 – Non si è visto molto l’ex Cagliari. Prova la battuta a rete in un paio di occasioni con dei tiri dalla distanza che però si spengono fuori dallo specchio della porta difesa da Marchetti.

PEREYRA 6,5 – L’interesse del Napoli per lui è giustificato. Corre per 93′ senza accusare il minimo cedimento dovuto alla stanchezza. Non molla un pallone che sia tra i suoi piedi o tra quelli degli avversari. Uomo ovunque.

ZIELINSKI 6,5 – Per lui 19 anni ancora da compiere. Numeri d’alta classe per il talento polacco che sicuramente avrà un futuro roseo. Supera nettamente gli avversari con dei dribbling nello stretto e il feeling con Totò Di Natale pur non avendo giocato spesso insieme è ottimo. (BADU s.v.)

DI NATALE 7 – Un nome una garanzia. Delizia la platea con gol in semirovesciata, ma anche con altre giocate che permettono ai suoi compagni di presentarsi da soli davanti al portiere avversario. Chissà dove avrà trovato l’elisir d’eterna giovinezza. (RANEGIE s.v.)

LAZIO

MARCHETTI 6 – Molto insicuro nelle uscite sulle palle alte, il solito muro nell’1vs1. Sul gol non può nulla, salva il salvabile.

STANKEVICIUS 4 – Superato nettamente da Gabriel Silva ogniqualvolta il brasiliano cerca l’affondo. È la seconda partita consecutiva da titolare dopo un anno di assenza dai campi, l’età non gioca più a suo favore e si vede. Purtroppo la colpa non è sua, ma di chi pensa che possa ancora far parte di una squadra che mirava alla Champions. Dove sono Cavanda e Diakitè che avrebbero potuto dare sicuramente una mano?

BIAVA 5,5 – Il centrale biancoceleste torna dopo un infortunio. Non è ancora nel pieno della forma e lo si nota dai numerosi falli dovuti alla poca reattività nelle gambe.

DIAS 5 – Il brasiliano, anche lui appena tornato da un infortunio, è colpevole di numerosi errori in impostazione del gioco, anche se non è certo lui a doverlo impostare, tanti passaggi sbagliati e qualche pecca nella fase difensiva.

CIANI 5 – Fa quasi il terzino sinistro. Ogni tanto si concede qualche sgroppata in avanti palla al piede che poi viene puntualmente regalata agli avversari. Sul gol sbaglia il posizionamento nell’area di rigore, si rifà poco dopo con un salvataggio sempre su Di Natale.

GONZALES 6 – Con un ginocchio malconcio, l’uruguagio da il massimo come al solito ma la posizione di esterno sinistro di centrocampo non lo esalta.

ONAZI 5 – Tanti errori in mezzo al campo per il talento nigeriano che in più occasioni permette agli avversari di ripartire in contropiede constringendolo al fallo per rimediare in qualche modo.

LEDESMA 5 – Lento e macchinoso il regista argentino. Chiuso tra i numerosi centrocampisti dell’Udinese che non gli permettono di ragionare ed impostare la manovra offensiva.

MAURI 5 – Non in condizione, e lo si capisce fin dai primi palloni toccati. Non riesce a superare mai l’uomo, perde quasi tutti i contrasti in mezzo al campo e non ha il fiato necessario per tenere il passo dei piccoletti dell’Udinese. (FLOCCARI s.v.)

HERNANES 5,5 – Entra con una fasciatura al ginocchio che lo ha tenuto inizialmente in panchina. Non può fare più di tanto data la stanchezza dei suoi compagni che non si propongono in fase offensiva. A pochi minuti dal suo ingresso ha l’occasione per pareggiare, ma spreca tutto strozzando il tiro.

CANDREVA 6 – Primo tempo in cui l’ala biancoceleste sembra essere l’unico in grado di creare pericoli con più discese sull’out di destra, con l’inizio della ripresa si nasconde troppo dietro gli avversari e scompare dal gioco.

EDERSON 5,5 – Come Hernanes entra a partita in corso quando ormai tutti i suoi compagni sono in debito d’ossigeno. Cerca in qualche modo di sgusciare tra i difensori bianconeri senza però avere successo.

KLOSE 5,5 – Non è ancora il Klose ammirato prima dell’infortunio che lo ha costretto a star fuori per ben due mesi. Non ha ancora la rapidità necessaria per superare gli avversari in accelerazione. La testa diceva di provare ad accelerare, ma le gambe non rispondevano.

a cura di Sebastian Mongelli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *