Redazione
No Comments

Coppa Italia: i cinesi disposti ad ospitare la finale

Quasi sicuramente il match non si giocherà il 26 Maggio: Pechino una possibile soluzione

Coppa Italia: i cinesi disposti ad ospitare la finale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Il trofeo della Coppa Italia

Il trofeo della Coppa Italia

ROMA, 20 APRILE – E’ sicuramente la Finale di Coppa Italia più discussa degli ultimi anni. Il match, che vedrà contendersi il Trofeo Nazionale alle due romane, Lazio e Roma, sta creando non pochi problemi, sia per gli incidenti di qualche tempo fa sia perché in quello stesso giorno, 26 maggio, ci saranno anche le elezioni del nuovo Sindaco di Roma.

Una clamorosa voce si è diffusa nelle ultime ore, proveniente dall’emittente RadioRadio: sembrebbe che un gruppo imprenditoriale che si occupa di organizzare eventi sportivi all’estero, abbia sondato il terreno per poter disputare la Finale di Coppa Italia a Pechino, ovviamente dietro un ingaggio molto elevato. I due club hanno rifiutato l’invito, ma non è un ipotesi da escludere in toto, perché la difficoltà nel trovare una modifica alla data della Coppa Italia non è semplice.

LE VARIE IPOTESI – Dunque, si pensa concretamente ad uno spostamento della Coppa Italia, anzi si lavora proprio per questo. Ci sono diverse correnti di pensiero: chi preferirebbe spostare l’orario ma mantenere lo stesso giorno, chi preferirebbe cambiare ora e giorno. Vedremo cosa succederà. Intanto il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha detto la sua a riguardo: Ho detto al Consiglio dei Ministri e al Prefetto che sarebbe opportuno anticipare l’orario della partita. Del resto una partita come RomaLazio non ha bisogno di attenzioni, è già appetibile. Sarebbe più gestibile per tutti giocare di pomeriggio. Anticipare la partita è fattibile e sarebbe un atto di buon senso: tutto si può e sicuramente le nostre forze dell’ordine sarebbero in grado di fronteggiare qualunque situazione ma c’é anche un elemento di attenzione perché ci sono tante persone impegnate ai seggi: metterli nella posizione di dover scegliere tra la partita e le elezioni è una cosa che andrebbe evitata. Dopo l’elezione del presidente della Repubblica valuterò se formalizzare questa richiesta con una lettera scritta sia con la Lega che con il Ministro e il Prefetto”.

Anche il Prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, si schiera dalla parte di chi vorrebbe cambiare orario al match di Coppa Italia: ”Anticipare la partita non sarebbe una sconfitta dello Stato, come qualcuno afferma, ma una scelta di buon senso: tutto si può fare, ma portare a Roma 3mila agenti in più, vista la concomitanza elettorale, ha un costo che pagherebbero i cittadini. Sarebbe meglio giocare tra le 15 e le 17, perche’ alle 21 si rischierebbe di andare molto oltre con i festeggiamenti. Ho mandato una lettera alla Lega di A e alle società romane: aspetto risposta e so che la prossima settimana si riuniranno per decidere. Sono certo che ci sarà buon senso da parte di tutti. L’obiettivo e’ creare sicurezza e fare in modo che la gara si svolga nella massima serenità”.

DE ROSSI E PETKOVIC – Tramite l’Ufficio Stampa della Roma, il centrocampista giallorosso Daniele De Rossi, ha voluto chiarire le sue dichiarazioni dopo Inter – Roma, in riferimento alla Finale di Coppa Italia: Il giorno che vorrò provocare gli avversari o caricare i tifosi della mia squadra lo farò direttamente. Non capisco come possa esser stato frainteso il mio messaggio dopo la gara contro l’Inter: volevo far capire quanto sia complicata una sfida carica di significati come il derby, alla quale avrei addirittura preferito un impegno difficile come quello di incontrare la prima della classe del nostro campionato, in una finale di Tim Cup. Sono inoltre dispiaciuto del fatto che alcuni organi di stampa, anziché stemperare i toni di un match così delicato, preferiscano strumentalizzare le mie dichiarazioni, contribuendo in tal modo a surriscaldare un ambiente che non ne ha bisogno”.

Conclusione sulla questione, da parte del tecnico biancoceleste, Vladimir Petkovic: Io ho sempre cercato di dare l’esempio senza dare spazio alle polemiche e mettere benzina sul fuoco. E’ sempre giusto stemperare le partite, non solo il derby. Abbiamo altre priorità prima del derby, ci concentriamo sull’Udinese”.

Massimiliano di Cesare

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *